Cose da far sapere al tuo nuovo dog sitter del tuo animale domestico – Dogster


Ci sono momenti in cui avrai bisogno o vorrai viaggiare senza il tuo cane. Se non hai un amico o un familiare che può stare con il tuo cane, prendi in considerazione l’assunzione di un dog sitter responsabile. Molti cani trovano l’esperienza di avere un dog sitter a casa loro molto meno stressante che andare in un canile o asilo nido per cani perché si trovano in un ambiente familiare. Le domande da porre a un dog sitter includono la ricerca di precedenti esperienze e qualifiche, nonché la sua filosofia e il suo approccio al lavoro con i cani. Solo perché qualcuno ama i cani non significa che abbia le capacità e l’esperienza necessarie per prendersi cura del proprio cane.

Come trovare un dog sitter

Trovare un pet sitter responsabile può sembrare opprimente. Spesso i migliori dog sitter si trovano tramite il passaparola. Quando cerchi un dog sitter, parla con altri proprietari di cani nella tua zona e chiedi chi usano. Puoi anche chiedere al tuo veterinario, addestratore e toelettatore consigli su dog sitter locali esperti e affidabili. Esistono organizzazioni professionali di pet sitter che puoi anche cercare per un pet sitter professionista:

Esistono anche app di pet sitter per aiutarti ad abbinarti a un pet sitter:

Domande da fare a un dog sitter

Quando ricevi segnalazioni, programma interviste per conoscere potenziali dog sitter. Tu e il tuo cane dovreste entrambi avere l’opportunità di intervistare un sitter. Ti consigliamo di porre domande sull’esperienza di un sitter e sull’approccio al lavoro con i cani. È importante dare anche al tuo cane la possibilità di interagire, in modo che tu possa avere un’idea di come si sente il tuo cane. Ecco le domande che dovresti porre a un potenziale pet sitter:

  1. Richiedi referenze per clienti passati.
  2. Qual è la sua esperienza con diversi comportamenti, età e razze canine? Se hai un cucciolo giovane, un anziano, un cane di grossa taglia o un cane con esigenze comportamentali o mediche speciali, è importante che un dog sitter abbia la forza e l’esperienza per prendersi cura adeguatamente delle esigenze uniche del tuo cane.
  3. Anche se il tuo dog sitter non è un addestratore, chiedi della sua filosofia sull’addestramento/comportamento del cane e su come si comporta quando i cani fanno qualcosa di inaspettato o cattivo. Dai la priorità alla ricerca di una baby-sitter il cui approccio alla gestione e all’addestramento rispecchi il tuo e assicurati che utilizzi tecniche di addestramento di rinforzo positive e non punizioni avverse.
  4. Il pet sitter ha un’assicurazione aziendale?
  5. È certificata in rianimazione cardiopolmonare e pronto soccorso?
  6. Com’è la sua routine quotidiana e come includerà il tuo cane? Alcuni dog sitter controllano un cane solo poche volte al giorno, mentre altri si trasferiranno a casa tua. Alcuni dog sitter sono anche dog sitter o hanno altri lavori e potrebbero essere lontani da casa tua per una parte significativa della giornata, mentre altri passeranno la maggior parte del loro tempo con il tuo cane. La quantità di tempo che trascorrerà con il tuo cane è qualcosa con cui ti senti a tuo agio?
  7. Quanto e quando comunicherà con te ogni giorno? Invia un messaggio o una foto con “prova di vita”? Comunicherà solo se c’è un problema o una domanda? Ti senti a tuo agio con la quantità di comunicazioni che riceverai dal pet sitter?

Informazioni per il tuo nuovo dog sitter

Una volta assunto un dog sitter, ma prima di partire per il viaggio, fornisci al pet sitter:

  1. Il tuo numero di cellulare e il modo migliore per raggiungerti.
  2. Contatti di emergenza locali nel caso tu sia irraggiungibile.
  3. Le informazioni di contatto del veterinario del tuo cane, così come la tua clinica veterinaria di emergenza locale preferita. Dovresti lasciare una carta di credito in archivio presso la tua clinica veterinaria nel caso in cui il tuo cane abbia bisogno di essere visto mentre sei via.
  4. Informazioni di contatto per chiunque altro localmente abbia un buon rapporto con il tuo cane, incluso il tuo addestratore e/o toelettatore.
  5. Stabilisci un piano di comunicazione con il tuo dog sitter facendogli sapere se vuoi sentirlo ogni giorno o a giorni alterni e se desideri che le foto ti vengano inviate tramite SMS o e-mail.

Quello che il tuo dog sitter dovrebbe sapere del tuo cane

Prima di partire per il tuo viaggio, lascia istruzioni scritte sulla routine del tuo cane a cui il sitter può fare riferimento durante il soggiorno con il tuo cane. Esamina questi verbalmente:

  1. Quando il tuo cane mangia.
  2. Farmaci e storia medica, ad esempio se il tuo cane ha allergie alimentari o lotta con l’ansia da separazione.
  3. Se il tuo cane deve essere portato a spasso e quale attrezzatura utilizzare (pettorina, guinzaglio speciale, ecc.). Dai istruzioni speciali se il tuo cane ha reattività al guinzaglio.
  4. Quando il tuo cane ha bisogno di uscire per usare il vasino o giocare.
  5. I giocattoli e i giochi preferiti del tuo cane .
  6. Tutte le regole di addestramento che vuoi assicurarti siano rafforzate mentre sei via, ad esempio se il tuo cane è autorizzato a letto o non lo tratta per saltare addosso alle persone. https://www.dogster.com/dog-training/how-to-stop-your-dog-from-jumping-on-people
  7. Eventuali problemi comportamentali o stranezze, ad esempio se il tuo cane è reattivo agli altri cani o ha paura dei temporali.

Porta il tuo pet sitter a casa tua prima di partire e guidalo attraverso le necessità quotidiane del tuo cane, mostrandogli dove mangia i pasti e dove sono conservate tutte le provviste per cani.

Quello che il tuo dog sitter dovrebbe sapere della tua casa

Oltre ad assicurarti che il tuo dog sitter abbia tutte le informazioni di cui ha bisogno su come prendersi cura del tuo cane, ci sono dettagli sulla tua casa che vorresti condividere.

  1. Le chiavi di casa tua o il codice di qualsiasi sistema di allarme.
  2. Password per il tuo WIFI se soggiornerà a casa tua, così come tutte le password necessarie per accedere alla tua televisione e qualsiasi altro servizio domestico a cui desideri che il tuo sitter abbia accesso.
  3. Qualsiasi altra faccenda, come annaffiare le piante, ritirare la posta, che giorno è la spazzatura, ecc.
  4. Dove conservi i prodotti per la pulizia e gli asciugamani extra nel caso in cui ci siano problemi mentre sei via.

Viaggiare senza il tuo cane può essere un’enorme fonte di stress, ma con il giusto dog sitter a casa la tua mente può essere tranquillizzata. Assicurati sempre di sentirti a tuo agio con le sue qualifiche ed esperienza. Un buon dog sitter manterrà il tuo cane al sicuro e manterrà le routine del tuo cane nel modo più coerente possibile durante il viaggio.



Fonte: dogster.com

Ultimi Articoli

Articoli Correlati