Prevenzione e cura – Dogster


Ansimando di più. Stancarsi durante le passeggiate. Non voler salire o scendere le scale. È normale che i cani rallentino man mano che invecchiano, ma a volte è più che invecchiare. I primi segni di malattie cardiache possono essere impercettibili, ma è importante riconoscerli. La diagnosi precoce e il trattamento di alcune malattie cardiache possono rallentare o prevenire l’insufficienza cardiaca congestizia nei cani.

Cosa causa l’insufficienza cardiaca congestizia nei cani?

Le malattie cardiache, che possono trasformarsi in insufficienza cardiaca, sono comunemente osservate nei cani anziani. Secondo il cardiologo veterinario Dr. Bonnie Lefbom, Dipl. ACVIM, l’incidenza delle malattie cardiache varia tra il 15% e il 30% dei cani anziani di piccola taglia e dal 5% al ​​15% dei cani di razza gigante.

L’insufficienza cardiaca congestizia, che può verificarsi con il progredire della malattia cardiaca, è meno comune grazie ai trattamenti veterinari oggi disponibili, ma alcuni cani con malattie cardiache svilupperanno insufficienza cardiaca. Il dottor Lefbom afferma che i cani di piccola taglia con un soffio al cuore di lunga data sono i pazienti più comuni con CHF. I cani di taglia grande e gigante sviluppano più comunemente un muscolo cardiaco indebolito.

Una delle cause più comuni di insufficienza cardiaca nei cani è malattia valvolare cronica degenerativa (DVC). “Proprio come nelle persone anziane, le valvole cardiache possono iniziare a rompersi e perdere, causando un riflusso nel cuore e un soffio al cuore”, afferma il dott. Lefbom, che pratica presso il Regional Veterinary Referral Center di Springfield, in Virginia. “Nel tempo, con il continuo riflusso attraverso le valvole, il cuore si allarga. Quando il cuore diventa troppo grande, il fluido torna indietro nei polmoni.

Alcune razze a più alto rischio di sviluppare CVD includono
• Cavalier King Charles Spaniel

  • Cocker Spaniel
  • Bassotti
  • Barboncini in miniatura
  • Schnauzer nani
  • piccole razze di Terrier

Un’altra causa comune di insufficienza cardiaca nei cani è la malattia del muscolo cardiaco, che viene chiamata cardiomiopatia. Con questa malattia, le valvole sono a posto, ma il muscolo del cuore si assottiglia, il che significa che non può più pompare il sangue come dovrebbe. Il guasto della pompa provoca l’accumulo di liquido nei polmoni o nella pancia, afferma il dott. Lefbom.

Alcune razze sono più inclini a sviluppare cardiomiopatia, tra cui:

  • Pugili
  • Cocker Spaniel
  • Doberman Pinscher
  • Alani.

Dieta e insufficienza cardiaca congestizia (CHF) nei cani

Negli ultimi anni, i veterinari hanno osservato un aumento della cardiomiopatia dilatativa canina, specialmente nelle razze non precedentemente identificate come a maggior rischio di questa malattia.

“La maggior parte di quei cani seguiva diete nuove o insolite”, afferma il dott. Lefbom. “Inizialmente, sembrava che il problema della dieta provenisse da cibi privi di cereali. Ora sembra che i cibi per cani ricchi di legumi (piselli, lenticchie e ceci) possano causare questo problema. La ricerca è ancora in corso per trovare la causa esatta.

Fasi di insufficienza cardiaca congestizia nei cani

L’insufficienza cardiaca si verifica in più fasi. Secondo il dottor Lefbom, l’insufficienza cardiaca precoce è molto reattiva al trattamento e i cani iniziano a sentirsi meglio rapidamente una volta che ricevono cure. Un cane nelle fasi intermedie dell’insufficienza cardiaca è più difficile da trattare e richiede più farmaci. Le ultime fasi dell’insufficienza cardiaca sono le più gravi e richiedono più farmaci somministrati molte volte durante il giorno. Nelle fasi avanzate, la qualità della vita del cane peggiora. A questo punto, i proprietari di animali domestici potrebbero dover affrontare la difficile decisione di prendere in considerazione l’eutanasia umana.

Segni di insufficienza cardiaca congestizia nei cani

I segni di insufficienza cardiaca congestizia precoce nei cani potrebbero non essere evidenti all’inizio, specialmente per l’occhio inesperto. Potrebbe essere piccolo come il cane che non vuole più fare passeggiate o non salire e scendere le scale così frequentemente. Con il progredire della malattia cardiaca, potresti notare una leggera tosse, soprattutto al mattino, o vedere che il tuo cane respira più velocemente, anche a riposo.

La riluttanza a muoversi potrebbe anche essere segni di invecchiamento o artrite. Vale la pena verificare anche piccoli cambiamenti nel comportamento o nell’attività del tuo cane con una visita dal veterinario.

“Nelle fasi intermedie dell’insufficienza cardiaca, il cane può iniziare ad avere difficoltà a respirare durante l’esercizio o potrebbe non dormire tutta la notte senza tossire”, afferma il dott. Lefbom. “La fase più grave dell’insufficienza cardiaca richiede cure di emergenza per un animale domestico che sta veramente lottando per respirare.”

Se sai che il tuo cane ha una malattia cardiaca, chiedi al tuo veterinario quali segni di peggioramento devi cercare e porta alla loro attenzione.

Come viene diagnosticata l’insufficienza cardiaca congestizia nei cani?

Il tuo veterinario può ascoltare un soffio al cuore per diagnosticare una malattia cardiaca. I soffi cardiaci sono classificati da 1 a 6, dove 1 è il meno grave e 6 il più grave.

Se il tuo veterinario è preoccupato che il tuo cane possa avere un’insufficienza cardiaca congestizia, suggerirà di eseguire radiografie del cuore e dei polmoni del cane per cercare l’ingrossamento del cuore e il liquido dentro o intorno ai polmoni.

Sebbene il tuo veterinario di assistenza primaria possa curare il tuo cane per insufficienza cardiaca congestizia, potrebbe indirizzarti a un cardiologo veterinario per ulteriori cure. I cardiologi certificati dal consiglio sono specialisti del cuore che trattano solo animali domestici con problemi cardiaci, quindi sono esperti nella diagnosi, nel trattamento e nella gestione della CHF. Un cardiologo lavora insieme al tuo veterinario abituale per implementare un piano di trattamento e monitoraggio per il tuo cane.

Quali trattamenti sono disponibili per l’insufficienza cardiaca congestizia

Sebbene l’insufficienza cardiaca congestizia nei cani non possa essere curata, può essere gestita con i farmaci. L’obiettivo è migliorare la qualità della vita del cane e prolungarne la longevità.

“Veterinari e cardiologi veterinari trattano l’insufficienza cardiaca utilizzando molti degli stessi farmaci usati per le persone con CHF”, afferma il dott. Lefbom. “Un esempio comune è il farmaco chiamato Lasix, o furosemide, per aiutare a eliminare il fluido dai polmoni”.

Con un trattamento adeguato, la maggior parte dei cani con CHF può vivere una vita relativamente normale. Il tuo veterinario potrebbe raccomandare alcuni cambiamenti nello stile di vita, ad esempio, riducendo le attività intense come la caccia alla palla. I cani con CHF generalmente si autolimitano, sembrando sapere quanta attività va bene e quando è il momento di fare marcia indietro. Tuttavia, il dottor Lefbom afferma che la cosa più importante è far sì che il cane faccia almeno parte di ciò che ama.

Quanto tempo può vivere un cane con insufficienza cardiaca congestizia?

In media, i cani diagnosticati nelle prime fasi dell’insufficienza cardiaca congestizia e trattati in modo appropriato possono vivere comodamente per circa uno o due anni.

UN studia condotto nel 2015 ha dimostrato che i cani con insufficienza cardiaca congestizia vivono il 75% in più se trattati da un cardiologo veterinario che lavora a stretto contatto con il veterinario di base.

È meglio evitare diete prive di cereali per cani con malattie cardiache?

Sebbene non siano state tratte conclusioni definitive, i ricercatori veterinari, i nutrizionisti e la FDA continuano a indagare sulla causa della malattia del muscolo cardiaco indotta dalla dieta (cardiomiopatia dilatativa). Questo lascia molti proprietari di animali domestici a chiedersi se dovrebbero evitare di somministrare diete prive di cereali, specialmente per i cani con malattie cardiache o a rischio di malattie cardiache.

“Nutrire una dieta priva di cereali può avere meno a che fare con il problema, e la preoccupazione maggiore sembra essere il cibo per cani con alti livelli di piselli, lenticchie e ceci (legumi)”, afferma il dott. Lefbom. “Con così tante diete sul mercato, non c’è una risposta facile a cosa dare da mangiare a ogni singolo cane”.

La soluzione migliore è parlare con il tuo veterinario del cibo migliore per nutrire il tuo cane e quali tipi di formulazioni o ingredienti evitare.



Fonte: dogster.com

Ultimi Articoli

Articoli Correlati