Tempo per i farmaci antidolorifici 101 – Dogster


©FatCamera | Getty Images

Sentire il tuo cane piagnucolare o guaire può sicuramente urtarti. Vedere il tuo cucciolo zoppicare può preoccuparti. Assistere al tuo cane anziano con l’artrite che sale con cautela i gradini può farti rabbrividire.

Come noi, i nostri cani non sono protetti dal dolore che è semplicemente definito come qualsiasi disagio fisico causato da lesioni o malattie. Il dolore può essere acuto, come soffrire di una gamba rotta, o cronico, come lottare costantemente con l’artrite delle articolazioni. E il dolore può sicuramente influenzare il comportamento del tuo cane, spostandolo dall’essere energico e felice a uno che ora si nasconde, si comporta in modo depresso o diventa un po’ irritabile se tocchi una zona dolorosa del suo corpo.

“Riparare il dolore è una delle attività più gratificanti in cui sono stato coinvolto durante la mia carriera, in quanto mi consente di facilitare, migliorare, allungare e rafforzare il prezioso rapporto famiglia-animale domestico”, afferma il dottor Robin Downing, un consiglio veterinario. certificato come medico veterinario del dolore e professionista della riabilitazione canina, che dirige il Downing Center for Animal Pain Management a Windsor, in Colorado.

Indica un momento spartiacque durante la scuola di veterinaria negli anni ’80, quando un professore consigliò di non togliere tutto il dolore ai cani che si stavano riprendendo dagli interventi chirurgici perché i cani “si sarebbero mossi e si sarebbero fatti male”.

“Anche allora, da semplice studente, non suonava bene”, afferma il dottor Downing, che ora è considerato un leader nella gestione del dolore per gli animali domestici.

Fortunatamente per i nostri cani, la gestione del dolore sta attirando l’attenzione tanto necessaria negli ultimi anni. Il crescente arsenale di opzioni per alleviare il dolore ora spazia da farmaci, terapia laser, agopuntura, digitopressione e idroterapia a integratori articolari e riscaldamento di base prima di escursioni o corse vigorose seguite da defaticamenti muscolari.

Diamo un’occhiata più da vicino a farmaci, terapie e integratori utilizzati per la gestione del dolore. Ecco quattro farmaci comuni prescritti ai cani per alleviare il dolore:

Prednisone

Questo steroide viene utilizzato per sostituire o integrare i glucocorticoidi nei cani che soffrono di shock o morbo di Addison. Viene anche usato come antinfiammatorio per cani che soffrono di dolore, febbri o tumori, come il linfoma.

“I vantaggi dell’uso di uno steroide sono che ha grandi effetti immediati nel ridurre il dolore e l’infiammazione nei nostri animali domestici”, afferma la dott.ssa Lindsay Butzer, veterinaria di seconda generazione presso il Clint Moore Animal Hospital di Boca Raton, in Florida, e partner di PetMeds . “I contro sono che uno steroide non può essere utilizzato a lungo termine a causa di gravi effetti collaterali, come lo sviluppo di malattie del fegato, malattia di Cushing, diabete e perché sopprime il sistema immunitario”.

Tramadolo

Questo oppioide viene utilizzato per il controllo del dolore e blocca le vie del dolore nel corpo di un cane. Viene spesso utilizzato per controllare il dolore post-chirurgico o cronico nei cani che soffrono di artrite o displasia dell’anca.

“I vantaggi del tramadolo sono che è un farmaco antidolorifico non costoso con un ampio margine o sicurezza e un danno d’organo minimo”, afferma il dottor Butzer. “I contro sono che può abbassare la soglia per le convulsioni nei cani con una storia di epilessia e può causare costipazione moderata”.

Gabapentin

Questo farmaco per il dolore neuropatico è generalmente usato come sedativo e antidolorifico. Aiuta a mantenere i cani calmi e rilassati.

“Gabapentin è disponibile come generico a basso costo per cani da quasi 20 anni”, afferma il dottor Downing.

Aggiunge il Dr. Butzer: “Ha un ampio margine di sicurezza e c’è pochissima disfunzione d’organo rilevata sul sangue dopo l’uso a lungo termine. I contro di gabapentin sono minimi. La maggior parte dei cani non ha effetti collaterali”.

Antinfiammatori non steroidei (FANS)

©BigshotD3 | Getty Images

Questa categoria del dolore comprende i farmaci Rimadyl, Galliprant, Previcox e Metacam, tutti formulati per cani.

“I FANS rimangono le pietre miliari della gestione del dolore, sia acuto che cronico”, afferma il dottor Downing. “Affrontano il dolore e l’infiammazione. Non esiste un FANS “migliore”, poiché il miglior FANS è quello che funziona meglio per un paziente specifico”.

Se abbinati con altri prodotti antidolorifici nel tempo, i veterinari possono abbassare in sicurezza la dose di FANS.

“Questo abbassamento fornisce una potenziale protezione degli organi responsabili dell’eliminazione del farmaco dal corpo”, afferma il dottor Downing.

Importante cautela: Non somministrare mai al tuo cane FANS umani, come l’ibuprofene o il paracetamolo, poiché possono causare insufficienza renale e persino la morte.

“Non è sicuro somministrare al tuo cane antidolorifici da banco, Tylenol o Advil per il dolore”, afferma il dottor Downing. “L’ibuprofene è molto tossico nei cani e può causare la morte. I farmaci da banco dell’armadietto dei medicinali per uso umano non sono una buona scelta”.

Integratori per il dolore

©FatCamera | Getty Images

Il Dr. Butzer riconosce il crescente interesse tra i genitori di animali domestici nel somministrare ai propri cani olio di CBD o integratori articolari che contengono glucosamina condroitina.

“Il CBD viene utilizzato ormai da oltre un decennio e ha mostrato un grande sollievo dal dolore negli animali domestici con margini di dosaggio sicuri”, afferma il dottor Butzer. “Per quanto riguarda gli integratori, cerca quelli con il NASC (Consiglio nazionale per gli integratori animali) sigillo di qualità, poiché puoi essere certo che questo prodotto provenga da un’azienda impegnata nella qualità e nella coerenza”.

Il dottor Downing afferma che i nutraceutici sono nella loro classe per alleviare il dolore nei cani, ma lancia questo consiglio:

“Attenzione al compratore”, dice. “Questo è un settore relativamente non regolamentato, anche se è migliorato negli ultimi anni. Ora abbiamo diversi nutraceutici sicuri ed efficaci che dispongono di dati di studio per supportarne l’uso”.

Verdetto: Entrambi dicono di parlare sempre con il veterinario prima di somministrare al cane qualsiasi prodotto da banco.

Aspettatevi che la gestione del dolore nei cani continui ad evolversi.

“La tecnologia continua ad avanzare, quindi chissà quali opzioni aggiuntive avremo a disposizione che utilizzano vari tipi di energia o meccanica?” dice il dottor Downing. “Ad un certo punto, verrà scoperto il Santo Graal della sostituzione della cartilagine e questo cambierà le regole del gioco nella gestione dell’artrosi”.

Opzioni terapeutiche per alleviare il dolore

©FatCamera | Getty Images

Il potere curativo del tatto può essere efficace nell’alleviare il dolore nei cani. Un pioniere nell’uso di

digitopressione sugli animali domestici è Sue Furman, PhD, fondatrice della Holistic Touch Therapy School of Canine Massage and Acupressure a Victoria, Texas.

“La digitopressione viene utilizzata per controllare il dolore, curare le malattie e promuovere la guarigione”, afferma il dottor Furman. “I meridiani o canali in un corpo sono chiamati Chi, che è considerata energia vitale. Quando la Chi viene bloccata, può provocare dolore, disagio o malattia. Se stimoli punti particolari, puoi iniziare la guarigione.

Per alcuni pazienti canini, il dottor Downing combina l’uso del laser terapeutico (noto come fotobiomodulazione) seguito dall’agopuntura. Ha anche alcuni genitori di animali domestici che usano il tPEMF (Ciclo di Assisi) tra una sessione clinica e l’altra a casa.

“Tutte queste sono modalità fisiche sicure che svolgono un ruolo nella gestione del dolore cronico canino”, dice. “Sono sicuri, efficaci e basati su dati validi.”



Fonte: dogster.com

Ultimi Articoli

Articoli Correlati