A Trieste un uomo ha fatto strage in una fattoria. Si è presentato con un bastone di ferro o un badile, forse anche un’ascia.

strage-animali-TriesteAssociazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (AIDAA) riferisce che l’uomo ha prima attaccato il cane, un pastore Malinois, spezzandoli una spalla e una zampa.

Ha rinchiuso il cane in una gabbia, prima di procedere all’attacco di altri animali.

Ha aperto i recinti, liberato i cinghiali, maiali e altri cani. L’uomo ha poi ammazzato senza alcuna pietà tutto quello che è riuscito a vedere.

In totale una cinquantina le galline, le oche e le anatre che sono state trovate morte, stramazzate nel fango. L’uomo ha ucciso una sessantina i conigli, insomma una vera strage.

Secondo l’AIDAA, quella strage è il frutto della follia di un uomo, con molta probabilità un cinquantacinquenne seguito dai servizi di salute mentale, ben noto nella zona per fatti più o meno analoghi avvenuti in passato, anche se di minor entità.