Quello che è successo alcuni giorni fa al signor Danilo Aiello a Castelfidardo in provincia di Ancona ha dell’incredibile.

Si è visto fermare e multare perché il suo cane non era al guinzaglio.

Ciò che rende questa vicenda strana è che la multa (come potete vedere nella foto del verbale) era già stata precompilata con i dati del cane (compreso il numero di microchip) e del proprietario.

verbale-multaIl vigile aveva con se un verbale già precompilato e girava il paese cercando l’uomo da multare.

Ovviamente il signor Aiello ha protestato e non ha controfirmato il verbale e si è rivolto all’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (AIDAA).

L’organizzazione scriverà al prefetto di Ancona per capire come sia possibile che i vigili girino per strada con i verbali già precompilati con addirittura il numero di microchip del cane già stampato su un verbale precompilato.

“Ne ho viste di tutti i colori, ma un verbale di una multa per un cane senza guinzaglio prestampato con i dati del cane e del padrone prima che questo venga sanzionato non mi era mai capitata di vederla. E’ chiaramente – dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA – un caso di persecuzione preventiva nei confronti del padrone del cane che girava senza guinzaglio e per questo ci rivolgeremo al prefetto di Ancona per chiedere delucidazioni”.