È scattata la denuncia per una famiglia di pastori che per una sorta di “tradizione” erano soliti tagliare le orecchie e la coda ai cuccioli che poi avrebbero usato come cani da conduzione del gregge.

Cuccioli-orecchie-tagliati1Questa la motivazione che una famiglia di pastori di San Felice a Cancello (CE) ha dato alle guardie zoofile OIPA di Caserta che, a seguito di una richiesta di affiancamento da parte dei carabinieri, sono intervenute per verificare le condizioni di detenzione di alcuni cani.

In mezzo a sporcizia di ogni sorta e alle feci di 1 cavallo, 7 cani e 300 pecore, erano detenuti quattro cuccioli di due mesi e mezzo a cui aveva mutilato le orecchie e la coda con una forbice. Le ferite erano infette e invase da bigattini, e i cuccioli, senza acqua e riparo a disposizione, erano visibilmente provati.

I cuccioli sono stati posti immediatamente sotto sequestro e trasferiti presso il canile convenzionato per le prima cure, mentre i responsabili denunciati per abbandono e maltrattamento.

Dopo la terapia antibiotica e tutte le cure necessarie a rimetterli in salute, l’OIPA Caserta si attiverà per trovare loro una nuova casa.