Un blitz messo a segno dai Carabinieri ha permesso di scoprire un canile abusivo e fatiscente a Gessate, in provincia di Milano, dove erano segregati molti cani.

Grazie all’intervento del parlamentare grillino, Paolo Bernini ed alla segnalazione del movimento animalista Eital, 65 cani sono stati liberati.

BlitzGli agenti hanno trovato cuccioli morti, fattrici con cuccioli lasciati al buio totale, senza acqua e cibo.

Lo stesso Bernini ha spiegato che il proprietario del lager, un cacciatore pluricampione del mondo di razza, è stato denunciato “per i reati di maltrattamento animale, somministrazione di farmaci scaduti, esercizio abusivo di professione, abuso edilizio, resistenza a pubblico ufficiale.”

I cani sono stati prelevati durante tutta la notte e trasportati presso una struttura idonea in attesa delle direttive da parte del Magistrato.

L’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (AIDAA) aveva denunciato il cacciatore sette mesi fa.