Finalmente si sa dove finiscono molti chihuahua rapiti ultimamente a Roma e Fregene.

ChihuahuaSecondo l’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (AIDAA), fanno una tappa in un importante campo nomadi a Roma dove pare ci sia il centro di raccolta e smistamento dei cani di razza rubati in tutto il Lazio.

Alcuni cani sono destinati agli zingari accattoni che li usano per raccogliere l’elemosina nella capitale ed in altre città fino a Terni e Perugia.

I cani di razza tra cui molti chihuahua che invece sono giovani e dediti alla riproduzione vengono spediti in altri campi nomadi della Romania in piccoli gruppi di tre o quattro con le roulotte delle famiglie nomadi che tornano al paese.

Una volta in Romania pare nella zona di Timisoara i cani vengono portati in allevamenti abusivi e utilizzati per la produzione di cuccioli e una volta sfruttati all’osso vengono poi soppressi.

Questo il contenuto dell’esposto inviato oggi dal presidente AIDAA Lorenzo Croce alla procura della repubblica di Roma ed al comando dei carabinieri capitolino affinchè si facciano i controlli del caso e si arrivi a sgominare questa attività criminosa.

I controlli curati dall’AIDAA sono partiti dopo la segnalazione del rapimento di oltre dieci cani di razza chihuahua nel giro di pochi giorni tra Roma e Fregene.