I ricercatori di Oceanomare Delphis Onlus hanno assistito ad una scena commovente nel mare di Ostia.

La mamma delfino che non vuole rassegnarsi alla morte del suo figlio, fa di tutto per rianimarlo. Il video è già diventata virale e sta facendo il giro del web.

“Venerdì scorso il team di ricercatori di Oceanomare Delphis Onlus impegnato nel progetto ‘Delfini Capitolini’ ha osservato in mare, due miglia fuori il porto di Ostia, una situazione molto particolare e triste: un esemplare adulto di tursiope che ‘accudiva’ un piccolo già in stato di decomposizione, sostenendo e trasportando il corpo senza vita, e cercando disperatamente di tenerlo a galla”, spiega nel comunicato l’associazione Facebook “Oceanomare Delphis Onlus” che ha postato anche il video dell’avvistamento.

“Nelle vicinanze della coppia madre-piccolo era presente anche un altro esemplare, che mostrava un comportamento di accompagnamento e supporto. Il comportamento di sostegno e trasporto di un piccolo morto, chiamato in inglese ‘Carrying dead calf’, è stato descritto per la prima volta da Aristotele 24 secoli fa e probabilmente è una conseguenza dell’intenso legame che esiste tra madre e piccolo: un legame così forte da rendere la madre incapace di lasciare il figlio nonostante l’evidenza della morte”, spiegano.