Un 80enne che aveva sparato e ucciso un gatto con un fucile ad aria compressa è stato ritracciato dagli uomini del Corpo Forestale del Comando Provinciale di Verona.

cat-gazeIl gatto è stato trovato esanime nella città di San Pietro in Cariano (VR).

L’uomo ha prima sparato al gatto poi lo ha finito a calci.

Una storia squallida che aveva colpito molto l’opinione pubblica. Il personale forestale ha indagato sequestrando il cadavere e attraverso perizie e indagini ha scoperto l’identità del reo: un 80enne al quale sono state sequestrati il fucile, col quale aveva sparato, 6 fucili da caccia calibro 12, 3 canne di riserva, 72 cartucce e 6 a palla non denunciate.

L’indagato pare fosse stato infastidito dal gatto che disturbava le gabbie con i suoi canarini.

L’uomo è stato denunciato a piede libero per i reati di maltrattamento e uccisione di animali oltre a violazioni delle norme inerenti il possesso e la detenzione delle armi.