La scelta della COOP di “usare il gatto per rappresentare le malattie aggressive e l’uccellino in gabbia (a forma di preservativo) per rappresentare il sesso protetto” è ridicola, lo afferma Lorenzo Croce, Presidente nazionale dell’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (AIDAA).

preservativo1“Quanto appare sulle scatole dei preservativi in vendita alla COOP è inaccettabile e per questo invitiamo la COOP stessa a modificare l’immagine di questa confezione togliendo gli animali dalla scatola”, aggiunge Croce.

L’associazione animalista si scaglia contro i preservativi che riportano sulla confezione una specie di parodia del Gatto Silvestro e Titti. In questo caso Titti rappresenta il sesso maschile protetto dentro la gabbietta a forma di preservativo, mentre il gatto (rosso) rappresenta l’AIDS e le altre malattie che rischiano di contagiare l’uomo se non usa il preservativo.

“Sia inteso – conclude Croce- siamo consci di quanto COOP fa per gli animali, ma una campagna sbagliata, anche se siamo certi che non nasce con i presupposti cattivi, rimane una campagna sbagliata e per questo chiediamo a COOP un passo indietro togliendo gli animali dalla confezione dei preservativi”.