Negli ultimi giorni si stanno registrando parecchie sparizioni di gatti domestici sul Lago di Garda nei pressi di Lazise e Bardolino.

Come riferisce l’Arena, pare che ad essere all’opera sia una vera e propria banda di delinquenti organizzata, impegnata a lucrare sulla vita dei piccoli felini.

catsEcco come agiscono: Le persone che fingono di essere addetti dell’Ulls bussano alle porte degli abitanti e chiedono di prelevare i gatti per la sterilizzazione. Ma i gatti prelevati poi non tornano più.

L’Arena riferisce che l’ipotesi più probabile è quella che finiscano all’estero per essere vivisezionati, venendo pagati anche 100 euro ciascuno.

È stata la signora Cristina, gattara autorizzata di Lazise, a fornire tutti gli elementi utili per presentare una denuncia contro ignoti ai carabinieri.

“All’inizio non abbiamo notato l’elemento comune negli episodi che ci sono stati segnalati», la gattara ha raccontato al’Arena, “poi tutto è stato più chiaro. I falsi volantini affissi su lampioni e cassonetti, i finti addetti che si presentano ai privati per raccogliere i gatti da far sterilizzare gratuitamente. Ma soprattutto i veicoli usati dalla banda: un furgone bianco sul quale è scritto Ulss e una Multipla rossa. Lo stesso colore della mia macchina. La gente pensava che fossi io. Consegnavano i gatti, convinti che fosse tutto a posto, poi, constatando che nessuno glieli riportava, mi telefonavano. Dov’è il mio gatto? Una, due, tre volte. Poi si è accesa la lampadina. Una banda specializzata che cattura gatti. Per rivenderli o mandarli alla vivisezione. O mangiarseli, chissà. Episodi analoghi sono stati segnalati in questi giorni nel Padovano e nel Vicentino”.