Finalmente qualcosa si muove per risolvere il problema dei gatti abbandonati sotto il cocente sole a Traversa De Pace, sitata nei pressi del Lungomare Colombo di Salerno.

gattoSalernotoday.it riferisce che da mesi i residenti della zona segnalavano la presenza di gatti maschi costretti a vivere fuori al balcone di una palazzina, tra rifiuti e senz’acqua.

All’interno della fatiscente struttura vivevano tre anziane con decine di gatte e intere cucciolate.

I cittadini erano esasperati dagli odori nauseabondi provenienti dal giardino e dagli strazianti lamenti dei gatti sofferenti.

Salernotoday.it riferisce che hanno presentato numerosi esposti all’Asl e ai vigili senza ottenere però alcun risultato.

Con l’intervento del deputato del Movimento Cinque Stelle Paolo Bernini e il fondatore dell’Eital Antonio Colonna coadiuvati dalla sede locale di Eital Michela Pisapia e Alfredo Riccio e dai volontari dell’associazione Venganch’io Cavese, qualcosa si è mossa.

“Insieme a noi sono giunti sul posto: due volanti dei carabinieri, i vigili urbani, i veterinari della Asl e i condomini esasperati sono scesi in strada per esprimere la loro indignazione. Le forze di polizia – fa sapere Eital – non sono potute intervenire fino alla mattina successiva quando sul posto sono giunti anche gli assistenti sociali ed hanno verificato le condizioni estreme che configurano il reato di maltrattamento animale ai sensi dell’articolo 544 ter del codice penale”.

“Il nostro obiettivo – fanno sapere gli esponenti dell’ Eital – è quello di perseguire i reati in danno agli animali in considerazione del fatto che la vita di un animale non vale meno di quella di una persona. Come si può restare immobili i davanti ad un animale agonizzante sotto il cocente sole di questi giorni e lasciato senza acqua, tra residui di cibo e spazzatura? Non ci si deve voltare dall’altra parte anzi è opportuno agire affinché gli enti responsabili secondo la normativa vigente compiano il loro dovere. Tra l’altro a Salerno esiste anche un dettagliatissimo regolamento comunale tutela animali che prescrive le modalità di detenzione degli animali domestici. Come mai in questi casi non viene fatto applicare? Se venissero emesse sanzioni, a giovarne sarebbero gli animali, ma anche le casse comunali”.