Per la festa del sacrificio per il mondo musulmano, un uomo voleva sacrificare una pecora in casa in un rito a cui avrebbe partecipato l’intera famiglia.

pecoraMa la pecora è stata salvata da un vicino che ha avvertito i carabinieri.

Come racconta la Nazione, la vicenda dai contorni anche grotteschi è successa a Livorno.

“Il vicino ha sentito trambusto sulle scale condominiali e ha visto la pecora che veniva trascinata in casa. E’ a quel punto che ha avvertito di quanto stava accadendo i militari dell’Arma. La macellazione in casa è assolutamente vietata, per questo è intervenuto anche il personale dell’Asl”, scrive la Nazione.

I carabinieri hanno bloccato il sacrificio e chiesto all’uomo da dove venisse l’animale. La sua risposta: “Me lo ha dato un amico di Pistoia”.

L’uomo è stato denunciato per ricettazione a causa delle spiegazioni confuse.

Ma non sono scattate contestazioni di natura sanitaria visto che l’animale era ancora vivo. La pecora è stata portata in un ovile.