Tutti i canili Italiani sono già al collasso e sarà difficile trovare posto per i cani che saranno raccolti dalle associazioni nelle strade e sulle autostrade italiane.

canileÈ l’avvertimento che arriva dall’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente (AIDAA).

L’organizzazione animalista dice che tutti i 150.000 posti disponibili nei canili italiani sono occupati, le adozioni specialmente di cani anziani sono in forte diminuzione e secondo le ultime stime delle anagrafe canine regionali sono circa 650.000 i cani randagi che vagano per le strade italiane concentrati prevalentemente nelle regioni del centro e del sud Italia e in Sicilia e Sardegna.

Inoltre il 30% dei rifugi e dei canili rischia la bancarotta in quanto i comuni sono in ritardo con i pagamenti per le rette dei cani randagi presenti e il buco complessivo della gestione dei canili italiani supera abbondantemente i 20 milioni di euro.

Nei mesi di luglio e agosto secondo le stime delle associazioni si prevede l’abbandono di almeno altri 20-30.000 cani con tutto quello che ne consegue.

“Le associazioni dalle più grandi alle più piccole non ce la fanno più a gestire le strutture al collasso – dice Lorenzo Croce, presidente nazionale di AIDAA – i canili sono al collasso e molti sono quelli a rischio chiusura per sovraffollamento, il rischio specialmente al sud è che molte di queste strutture finiscano in mano alla malavita organizzata che usa i cani come business o a società che vincono appalti e che gestiscono queste strutture a scopo di lucro e non certo partendo dall’amore per i cani.”

“Chiediamo un intervento urgente del governo – conclude Croce – serve ripianare i debiti ed una nuova incentivazione delle politiche di tutela degli animali e di sterilizzazioni dei cani randagi. Credo seriamente che quest’anno sarà difficile soccorrere i cani abbandonati proprio per la carenza dei posti nelle strutture che li ospitano”.