L’Università della California sta addestrando i cani ad individuare il cancro negli esseri umani annusandone campioni di saliva, di alito e di urina.

dog-noseRalph de Vere White, professore di urologia e direttore del Comprehensive Cancer Center dell’UC Davis, ha detto che hanno sviluppato negli ultimi anni “un nuovo metodo esclusivo e molto costoso per individuare la presenza del cancro”, riferisce Lastampa.it.

“I cani lo hanno fatto: ad esempio individuando la malattia nelle urine delle persone che pensavamo potessero avere un cancro alla vescica – ha detto De Vere White. – Questo lavoro coniuga tecnologie d’avanguardia con i nasi dei cani, poco tecnologici ma molto sofisticati, per vedere se ci possono aiutare ad identificare le molecole che distinguono il cancro dal non cancro».

In questo periodo veterinari e gli studiosi del comportamento animale dell’università stanno addestrando Alphie e Charlie, un labrador e un pastore tedesco di 4 mesi presso i laboratori di Davis.

I cani stanno imparando a distinguere determinati odori, anche minimi, che loro riescono a captare come anomali.