Addio a Yongki, l’elefantino più famoso di Sumatra, in Indonesia. Il responsabile del parco, Timbul Batubara, ha confermato che Yongki è stato ucciso dai bracconieri per le sue zanne d’avorio.

L’animale è stato ritrovato senza zanne e con la lingua blu segni chiari che fanno pensare che sia stato avvelenato.

Yongki1Repubblica.it riferisce che Yongki era addestrato e proteggeva umani e animali senza distinzione. “Difendeva i villaggi nei dintorni del parco dagli attacchi dei suoi “amici” selvatici e combatteva contro i bracconieri che minacciano gli animali della foresta pluviale,” scrive Repubblica.it.

La morte di Yongki ha suscitato indignazione e rabbia contro i contrabbandieri sui social network. Milliaia di messagi sono già stati inviati con l’hashtag “RIPYongki” (riposa in pace Yongki).