Occorre affrontare il problema del sesso con gli animali in maniera chiara ed ad alta voce, lo afferma Lorenzo Croce presidente dell’AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente).

horse-black“Il problema dell’abuso degli animali per scopo sessuale – secondo Croce – è un problema reale e diffuso quanto altri tipi di maltrattamento con l’aggravante che di queste cose forse per pudore, forse per incredulità, più facilmente per ignoranza non si parla o si tende a parlarne sottovoce.”

Croce rivela che “ci sono persone, compresa qualcuna che si occupa a suo modo di tutela di animali che con i loro cani, asini e anche cavalli ci fanno sesso.”

E aggiunge: “Non parlo di persone depravate che si dilettano a guardare i filmini pornografici o altre stronzate del genere. Non parlo per capirci di quelli che nella categoria vengono chiamati segaioli. Voglio parlare di quelle persone che ritengono fare sesso con i propri animali la cosa più normale del mondo. Sono persone che meritano tutto il nostro disprezzo anche più dei depravati o dei deviati mentali.”

Presidente dell’AIDAA sottolinea che occorre parlare del problema “senza tabù, occorre non ridurre questo argomento a un argomento pruriginoso, ma occorre capire che gli animali vengono violentati, che siano usati per filmini porno, sia che vengano abusati nelle mura domestiche. Occorre parlarne,  perché questa aberrazione venga riconosciuta per quello che è; un ABUSO SUGLI ANIMALI da punire penalmente.”