Il pappagallo è un animale domestico colorato e anche molto intelligente, perché in grado di intrattenerci con le sue parole. È possibile, infatti, insegnare al nostro colorato amico brevi frasi e suoni da ripetere, o anche può imparare a rispondere con semplici frasi alle nostre domande.

 

È bene precisare che non tutte le specie di pappagallo parlano, benché quasi tutte riescano ad emettere suoni simili a quello di una voce. I pappagalli più propensi alla conversazione sono sicuramente i grandi esemplari di giaco, amazzone e cacatua. Qualsiasi sia la razza del nostro pappagallo è essenziale, però, aiutarlo nel suo percorso di apprendimento alla riproduzione vocale.

 

Il momento più proficuo per iniziare a fare esercitare il nostro pappagallo a parlare è intorno al quarto mese di vita. Per riuscire nel nostro intento, però, dovremo assicurarci di avere la piena fiducia del nostro amico piumato e dovremo infondergli tutta la sicurezza di cui ha bisogno per sentirsi a suo agio. Per far ciò, sarà meglio rivolgerci a lui con estrema dolcezza, con un tono calmo e rassicurante, come se stessimo parlando ad un nostro caro amico. Una volta che il pappagallo avrà accettato di buon grado la nostra presenza, potremo insegnargli qualche parolina. Il metodo migliore per fargli imparare le parole è quello di ripeterne una alla volta, tutti i giorni. Inizieremo da parole semplici come “Ciao”, “Come stai?”, “Arrivederci” o insegnandogli il suo nome.

 

Dopo una settimana che avremo ripetuto ogni giorno la nostra prima parola scatterà la seconda fase di insegnamento dove ripeteremo al pappagallo parole diverse per almeno un quarto d’ora al giorno, poggiando un dito su di lui. Una volta che inizierà a prendere confidenza con queste parole, potremo provare a insegnargli alcune semplici frasi. Se non abbiamo troppo tempo per effettuare le nostre lezioni, potremmo ricorrere alla registrazione delle parole, lasciandole poi in riproduzione accanto al nostro pappagallo. La registrazione è un metodo che può funzionare, ma attenti a usarla solo se necessario, visto che potrebbe risentirne il rapporto con il volatile e la sua fiducia nei nostri riguardi.

 

Ricordate che oltre alle parole, i nostri amici pappagalli sono in grado di riprodurre tantissimi suoni diversi e, nel caso ci trovassimo a casa un chiacchierone con il senso dell’umorismo, non è escluso che possa imitare anche i versi di altri animali. Ogni pappagallo ha un suo ritmo di apprendimento, per cui, il consiglio principale è quello di stare calmi, non perdere mai la pazienza e non lesinare con l’impegno. Solo con costanza e curando il rapporto con il nostro amico, infatti, potremo raggiungere risultati eccellenti e il nostro pappagallo diventerà un fedele compagno di conversazione.