gattipavia2

 

Un Grand Hotel per gatti abbandonati. Si trova a Pavia, ospita cuccioli da tutta Italia e i gestori non potevano che essere due «fantastici gattari», Anita e Sergio, che strappano i mici dalla strada per regalargli una nuova vita, in un «albergo a cinque stelle» in attesa di una famiglia adottiva.

«La nostra avventura con i gatti è iniziata qualche anno fa, quando io vivevo sola in Sicilia. Lì purtroppo il tasso di randagismo è molto elevato e io facevo quel che potevo, con le mie forze – racconta Anita -. La prima creatura salvata è stata Bridget e non è un gatto ma un incrocio di Labrador, trovata abbandonata in autostrada con una terribile gastroenterite. Oggi Bridget è la mascotte del Grand Hotel e si prende cura di tutti i mici, specialmente di quelli più indifesi».

«Oggi non sono più sola. Ho avuto la fortuna di incrociare la mia strada con una persona che condivide la mia stessa passione – Sergio -. E insieme abbiamo allestito una stanza della nostra casa di Pavia per i mici randagi più bisognosi. Non è un vero e proprio gattile, di solito la chiamiamo “stanzetta dei gattini”», racconta. «Qui arrivano gatti da tutta Italia, molti di loro hanno problemi di varia natura, ma con le dovute cure e tanta pazienza piano piano ognuno rifiorisce e viene adottato».

Il Grand Hotel è una piccola realtà, certo, ma anche un grande gesto di solidarietà. «Su Facebook siamo conosciuti come Mamma Carota e Micio papà e, grazie alla collaborazione delle tante persone che ci seguono, riusciamo a trovare delle belle famiglie e poter aiutare altri mici in difficoltà. Certamente curarli costa, ma per fortuna non abbiamo vizi e siamo felici di fare delle rinunce per loro».

In questi anni sono arrivate anche tante soddisfazioni. «Una delle più grandi è stato Derek, affetto da ipoplasia cerebellare dalla nascita. Non aveva coordinazione nei movimenti e non riusciva a camminare: cadeva di continuo ma non ha mai perso la voglia di rialzarsi e riprovarci. La sua dolcezza e la sua forza di volontà hanno fatto innamorare migliaia di persone. Oggi è un micio totalmente autonomo ed è felicemente adottato a Genova. Noi invece per Natale ci siamo regalati Tiby, un micio bruttino e infeltrito, affetto da rinite cronica ma con il fuoco dentro e tanta tanta voglia di vivere e riprendersi ciò che la strada gli ha tolto».

gattipavia