L’attività fisica è importante per tutti, anche per gli animali domestici. Anche i criceti, i piccoli roditori, che da anni impazzano nelle nostre case, hanno bisogno di effettuare quotidianamente attività fisica per mantenersi in esercizio.

In natura, i criceti , come tutti i roditori avrebbe una vita piuttosto movimentata. Tra arrampicate sugli alberi e scorribande nei prati non avrebbe certo problemi di sovrappeso. Sempre più spesso però i criceti si ritrovano in anguste gabbiette, dove lo spazio per muoversi è piuttosto limitato. Per mantenere in buona salute il nostro criceto sarebbe utile fornirgli i mezzi idonei a fare esercizio fisico anche in cattività. Tra i giochi più apprezzati dal piccolo roditore vi è la ruota. Quest’ultima deve essere di materiale che non possa essere ingerito dal criceto e va fissata saldamente alla gabbia per permettere all’animale di muoversi agevolmente. Nella scelta del gioco va prestata anche attenzione alla dimensione della gabbia e dell’animale stesso. Una ruota non commisurata alla dimensione dell’animale o sistemata in posizioni pericolose potrebbe causare danni all’animale. Evitare l’introduzione di ruote anche in gabbie che presentino mamme con cuccioli. Una soluzione utile per far svolgere attività fisica al roditore potrebbe anche essere il posizionamento di rami all’interno della gabbia, ideali per permettere all’animale di dare sfogo alle proprie doti di arrampicatore. In commercio esistono anche gabbie dotate di tubi per permettere al criceto di esplorare posti nuovi o di rincorrere i suoi simili. Un’alternativa potrebbe essere anche la palla per criceti, uno strumento ludico da impiegare al di fuori della gabbia. L’animale, posizionato dentro una sorta di trasportino a forma di palla, rotolando ha la possibilità di andare in esplorazione per tutta la casa. In questo caso è indispensabile che non vi siano altri animali in casa che possano individuare il criceto come possibile preda. E’ bene prestare attenzione a non far rotolare la palla in prossimità di scale o di ambienti che potrebbero ferire l’animale.