Allestire un acquario d’acqua salata, richiede grande impegno, passione e competenza. 

È richiesta infatti una minima conoscenza dell’ambiente naturale in cui vivono gli organismi marini, perché si dovrà cercare di ricreare all’interno dell’acquario le stesse caratteristiche climatiche ed ecologiche del Mar Mediterraneo.

Fondamentale è curare l’equilibro della convivenza tra gli organismi in esso ospitati, come pesci, invertebrati, coralli, ecc..

La prima scelta da compiere nella realizzazione di un acquario di acqua salata riguarda il tipo di ambiente che si desidera realizzare: è possibile optare per una pozza di scogliera o un coralligeno.

 

La pozza di scogliera, date le caratteristiche dell’habitat, costituisce un buon punto di partenza per la progettazione di un acquario neofita: in questa zona superficiale del mare, infatti, vive in natura una moltitudine di organismi in grado di sopravvivere senza difficoltà a sbalzi di temperatura e di salinità.

Per quanto riguarda la temperatura, l’allestimento non richiede necessariamente l’utilizzo del refrigeratore,  purché non si superino i 30°. Per l’illuminazione sono sufficienti due neon da 25-30W. Per l’allestimento del fondale occorrerà una passeggiata in spiaggia: dei sassolini porosi, alcuni gusci di conchiglie e pietre vive renderanno l’acquario un vero e proprio spaccato del Mediterraneo.

Questo habitat può ospitare molte varietà di pesci ed invertebrati: alcuni Blennidi, Gobidi, Lepadogaster, Trypterigion e piccoli Mugil;  è possibile inserire pomodori di mare, gamberetti, granchi, lumache di scogliera, ma anche ricci e stelle marine!

 

Diversamente dalle pozze di scogliera, il coralligeno necessita di un refrigeratore che permette di allevare organismi tipici di ambienti profondi con  temperatura compresa tra 16-20°.

L’illuminazione e il fondo saranno simili all’ambiente della pozza di mare, mentre l’arredamento sarà costituito da pietre molto porose, colonizzate da alghe e invertebrati.

Questa affascinante ricostruzione, simile alla struttura delle barriere tropicali, presenta la possibilità di accogliere una varietà di  specie di notevole interesse acquariofilo: Triglie, Saraghi, Salpe, ma anche Anellidi e Molluschi. Anche varietà di alghe come Halimeda Tuna e Caulerpa renderanno l’acquario uno spettacolo da ammirare.