Capita spesso che un gatto abituato a vivere in città possa essere coinvolto in un incidente stradale e investito.

Non sempre la colpa è di chi è al volante! A volte il gatto si preoccupa di guardare prima di attraversare la strada, soprattutto se trafficata, altre volte invece no e, valutando male le distanze, potrebbe essere investito.

Il primo soccorso che occorre prestare all’animale è sancito dal codice della strada, ed obbliga chiunque abbia provocato o assistito all’incidente a soccorrere l’animale ferito.

gatto per strada
Gatto che attraversa la strada

Come bisogna comportarsi di fronte ad un gatto investito? La prima cosa da evitare in ogni situazione di emergenza è farsi prendere dal panico: la nostra agitazione non aiuterà sicuramente il gatto.

Occorre portare immediatamente il felino dal veterinario: anche se è vivo e solo zoppicante potrebbe aver subito seri traumi interi ed essere in pericolo di vita.

È opportuno avvolgere il gatto in un asciugamano (soprattutto se sta perdendo sangue) e metterlo in un trasportino. Sarebbe necessario avvertire il veterinario prima dell’arrivo del gatto traumatizzato, in modo da permettergli di organizzarsi ed eventualmente avvisare la sala d’aspetto riguardo l’urgenza che passerà avanti a tutti.

Anche se la situazione non è delle migliori, non è corretto pretendere che il veterinario si precipiti sul posto, anche perché non avrebbe le attrezzature di laboratorio adatte per una corretta diagnosi.

In questi casi è bene evitare anche i consigli della nonna, che non farebbero altro che ritardare la visita veterinaria.

Durante la visita veterinaria si consiglia di aspettare fuori dall’ambulatorio, evitando di distrarre il medico con raffiche di domande o pianti.

Se il gatto in questione è un randagio, occorre avvisare i Vigili o i Carabinieri che dovrebbero provvedere ad avvertire  il gattile di zona o il veterinario Asl, in genere sempre reperibile in questi casi, per mandare qualcuno a recuperare il gatto e portarlo nelle strutture convenzionate per i randagi.

È importante essere a conoscenza  del fatto che in questo caso le spese sono interamente a carico di chi soccorre il gatto: normalmente, se l’animale non ha subito gravi lesioni, verrà richiesto solo il rimborso dei medicinali.

 

Ilaria Giovani