Il gatto ha un’indole molto diversa dal cane ma, per quanto indipendente, ha estremo bisogno di compagnia e di attenzione. Ecco perché è importante dedicarsi ad attività di gioco che stimolino tutti i sensi dell’amico micio. Divertendosi con il suo padrone il gatto eviterà di accumulare stress e potrà mantenersi in forma. Correre, puntare e saltare istigano la sua natura di cacciatore e lo coinvolgono facilmente. I giochi “classici” che attraggono maggiormente il micione di casa sono:

 

– legare all’estremità di un bastoncino rigido un filo, al quale annodare un batuffolo di ovatta, un piccolo peluche o della stoffa. Agitando il gioco la sua attenzione verrà rapita e cercherà di catturare la finta preda, nascondendosi dietro ai mobili per tendergli agguati. Farà così movimento ed allenerà i riflessi.

 

– Molti gatti amano rincorrere le luci; non utilizzare i laser perché potrebbero infastidirlo, meglio piuttosto adoperare una mini torcia elettrica. Puntarla davanti alle sue zampette ed allontanarla lentamente, ed il micio la inseguirà divertendosi. Spegnere la luce di tanto in tanto e fargliela ritrovare poco dopo; anche questo servirà a tenere alto il suo grado di attenzione.

 

– Un altro gioco che serve a stimolare l’intelligenza del gatto è la caccia al tesoro: nascondere dei croccantini in diversi punti nella stanza, cosicché il micio incuriosito e attratto dai bocconcini, nella ricerca affinerà anche l’olfatto.

 

– Tra i giochi più semplici per i gatti non si può non menzionare la classica pallina di carta o di alluminio, molto economica e semplice da confezionare per il padrone ed irresistibile per il gattino.