Per un gatto affrontare un trasloco non è assolutamente facile, anzi ogni spostamento anche all’interno della stessa abitazione è per lui causa di stress.
I dolci felini di casa, abitudinari e sedentari sono i veri padroni del luogo. Essi, cautamente, studiano in modo dettagliato tutto l’ambiente. Della propria casa i gatti riconoscono gli spazi, gli odori, le luci e le ombre, i tessuti, analizzano alla perfezione ogni elemento riconoscendolo come proprio; identificano varie zone a loro sacre, come la zona di veglia, di osservanza, di riposo o di gioco, ed ogni qualvolta che anche solo una di queste zone viene alterata, il gatto subisce uno stato di stress.

 

Per queste ragioni quando si deve cambiare casa bisogna aiutare il gatto ad affrontare il nuovo habitat, come tutti gli spostamenti nella vecchia casa, in modo da fargli affrontare l’evento più tranquillamente possibile, e per riuscirci si può ricorrere a più strategie.

 

Durante la fase di preparazione al trasloco l’ideale è di far vivere al gatto il meno possibile i vari spostamenti cercando di riservargli inalterata almeno una delle sue zone. Certo è che in questo periodo il gatto può mostrarsi agitato, scontroso e dispettoso. È doveroso quindi affiancarlo in questo periodo coccolandolo, rassicurandolo e nei casi estremi intervenendo con i fiori di Bach o altri rimedi, reperibili in farmacia o consigliati dal veterinario.

Ovviamente il gatto deve essere l’ultimo ad abbandonare la vecchia casa, entrando nella nuova dimensione quando già tutto è pronto. Il trasporto avverrà riponendo l’animale negli appositi cesti da viaggio, che sono comodi e sicuri; dunque meglio evitare di tenere il gatto in braccio specialmente se si viaggia in auto.

 

Iniziare la vita nella nuova casa per il gatto non è affatto facile: dovrà attraversare un lungo periodo di conoscenza del nuovo ambiente, ricrearsi le sue zone, conoscere i nuovi odori, i nuovo rumori e per far questo, mediamente, gli ci vorrà circa un mese, periodo in cui bisogna affiancarlo e rassicurarlo.
Se l’abitazione ha anche il giardino ed il gatto è già abituato a stare all’aperto si consiglia di fargli conoscere uno spazio per volta, quindi prima la casa e solo quando si sarà ambientato in questa si apriranno i varchi alla scoperta del giardino.