I gatti sono animali certamente scaltri e astuti e soprattutto sembrano in grado di cavarsela in qualsiasi situazione. Ma è davvero così? Che siano gatti domestici abituati a stare in casa o a uscire all’aperto è risaputo, ma c’è un pericolo al quale spesso non fanno caso.

 

Alcune piante, infatti, possono rappresentare un grave danno per la salute dei gatti che, curiosi, non risparmiano giri di perlustrazione in mezzo a foglie e fiori e magari anche qualche “assaggio”, ignari dell’imprudenza che stanno per commettere.

piante velenose

Oltre alle più note stelle di Natale, ci sono 10 piante velenose tra le più comuni che è importante conoscere e dalle quali far stare alla larga i propri amici a quattro zampe.

 

1. Azalea. Pianta che anima giardini e terrazze, può rivelarsi davvero pericolosa per i felini e causarne la morte anche dopo aver ingerito solo poche foglie.

 

2. Ciclamino. Un fiore davvero comune, la cui parte più velenosa è fortunatamente collocata nella radice. Può causare vomito e in gravi casi la morte.

 

3. Calancola. Una pianta dai fiori davvero graziosi: se ingerita dall’amico peloso, però, può portare a vomito, diarrea e aritmia cardiaca.

 

4. Lillium. La pericolosità di questa pianta varia a seconda della specie: le peggiori possono causare gravi insufficienze renali, quindi è meglio portare subito il gatto dal veterinario e cercare di farlo rimettere.

 

5. Oleandro. Oltre che per i felini è altamente velenoso anche per gli umani: provoca un rallentamento del ritmo cardiaco e vomito.

 

6. Dieffenbachia. Fortunatamente non porta alla morte nei gatti, però può provocare irritazioni alle mucose del cavo orale, nausea e vomito.

 

7. Narciso. Un fiore davvero delizioso, ma assolutamente dannoso: nei casi più lievi irrita la pelle, mentre in quelli più gravi è causa di  vomito, diarrea, dolori addominali e anche aritmia e difficoltà respiratorie.

 

8. Mughetto. Delicato e dal profumo delizioso, questo fiore se ingerito può essere davvero dannoso per gli animali e originare vomito, diarrea, scompensi cardiaci e sincopi.

 

9. Croco Autunnale.  Danni a fegato e reni e problemi di respirazione sono conseguenza dell’ingestione di questa pianta particolarmente velenosa.

 

10. Tulipani. Allegri e colorati sono anche una fonte di pericolo per gli amici felini: la parte più pericolosa è il bulbo, quindi è bene prestare attenzione alle eventuali manie di scavare nel terreno. Bava, vomito e diarrea sono i sintomi dell’avvelenamento, nei casi peggiori si riscontra aumento del ritmo respiratorio e cardiaco.Purtroppo non basta conoscere le piante velenose: i gatti sono animali dinamici e non è possibili tenerli sotto controllo 24 ore su 24 e proprio per questo è importante anche saper intervenire in caso di avvelenamento. Ecco quindi una simpatica
infografica di PetMagazine che mostra, oltre alle piante già elencate, anche i sintomi che possono presentarsi nei felini e, soprattutto, come agire tempestivamente per salvare loro la vita.

 

Piante velenose per i gatti: un’infografica di PetMagazine

piante velenose infografica

 

 

Roberta Ravelli