Senza gravi patologie, il gatto può vivere piuttosto a lungo, anche 20 anni. I gatti anziani necessitano però di qualche attenzione in più e di una maggiore prevenzione. Ecco alcuni consigli affinché l’amico a quattro zampe possa trascorrere una vecchiaia abbastanza serena:

(foto dal web)
(foto dal web)

1) Tenere sotto controllo il peso. Anche per i gatti, come per gli esseri umani, l’equilibrio alimentare è molto importante, se non decisivo. In tarda età è necessario aumentare l’apporto di nutrienti. E’ consigliabile la scelta delle cosiddette “pappe senior”, che hanno sali minerali e vitamine. Il gatto anziano tende a ingrassare perché il suo metabolismo ha subito un rallentamento.

2) Consultare spesso un buon veterinario. In età avanzata i felini domestici possono sviluppare patologie, ad esempio infezioni, piuttosto gravi. Dopo i 7-8 anni è quindi opportuno fare degli esami del sangue periodici e un checkup completo una volta l’anno. La prevenzione è molto importante perché i tumori sono frequenti, ma, se diagnosticati tempestivamente, possono essere curati in modo efficace. Il proprietario dell’animale deve poi prestare attenzione ad alcuni segnali. Una sete esagerata, ad esempio, è spesso sintomo di un malfunzionamento renale. La scelta di un buon veterinario è ovviamente di fondamentale importanza.

3) Curare l’igiene della bocca. Il gatto ha gengive delicate, che in vecchiaia si indeboliscono, venendo facilmente attaccate da batteri.

4) L’importanza di dare affetto. Ansia o depressione possono colpire anche i gatti e sono la conseguenza di problematiche a livello cerebrale. Se si notano significativi scadimenti dell’umore è quindi importante dedicare più tempo a manifestare affetto all’animale, giocando con lui, in modo che si senta sempre coccolato e non rifiutato dal suo padrone.

5) Luogo di riposo e calore: il gatto anziano, oltre a uno scadimento generale dell’agilità, può avere qualche problema a fare balzi. Quindi è bene preparare cucce o zone di riposo di facile accesso e al caldo, con cuscini o coperte, in modo che l’animale possa mantenere sempre una certa temperatura corporea.