Con l’estate ormai passata e con l’avanzare dei primi freddi, chi possiede un gatto deve adeguarsi alla stagione in modo tale da garantire il benessere all’amico a quattro zampe anche in autunno.
Oltre ad assicurare al micio un posto caldo in casa, l’attenzione alla sua alimentazione diventa importantissima per mantenerlo in salute in questa fase di cambiamento climatico.

I gatti durante l’autunno e l’inverno mangiano più volentieri rispetto alla stagione calda. Con il clima più rigido occorre fornire al pet un’adeguata nutrizione per sopperire alla maggiore esigenza di vitamine e sali minerali, senza però esagerare con i grassi. La dieta dei gatti deve contenere in prevalenza proteine, da integrare però con i fondamentali nutrienti delle verdure.
Durante l’autunno è preferibile che il gatto si nutra spesso di carni bianche alternate al pesce, accompagnati da verdure cotte, come carote o piselli, in modo da fornire un piatto completo e ricco di tutte le sostanze necessarie al suo benessere.

 

Bisogna inoltre tenere presente che il gatto beve poco e in autunno ha la necessità di recuperare i liquidi che può aver perso durante l’estate: si consigliano per questo scopo i brodi vegetali.

 

I cibi “fatti in casa” devono essere alternati o integrati con quelli precotti venduti in scatola, acquistabili al supermercato. Si ricorda che nel caso in cui si opti per il cibo secco è preferibile aggiungere anche dell’acqua nella ciotola della pappa del gatto.