Le cause di febbre nei gatti possono essere molteplici, proprio come noi possono ammalarsi molte volte è data da un banale raffreddore o causata da un graffio o morso di un altro gatto oppure nei peggiori dei casi da qualche malattia virale, come la FIP e FIV.

I sintomi della febbre nel gatto sono:
– Naso asciutto
– Orecchie molto calde
– Poco appettito
– Debolezza
Non sempre sono sintomi fissi e inequivocabili, però vi consiglio di andare dal veterinario per escludere ogni dubbio, se volete potrete misurare voi stessi la temperatura per via rettale con i classici termometri per bambini che hanno un bulbo molto più piccolo, dovete inserire il termometro per circa 1 cm, ovviamente ben lubrificato e tenere in posa per 2 minuti, la temperatura normale dei gatti adulti è circa 38° – 38,5° gradi, nel cucciolo la temperatura normale si aggira intorno ai 39° gradi, quindi se il vostro gatto è molto al di sotto di tale temperatura si trova in ipotermia al contrario se è molto al di sopra (intorno ai 39,8 perché anche loro come noi possono avere variazioni) ha la febbre.

Ora che abbiamo scoperto che il nostro gatto ha la febbre cosa dobbiamo fare?
In primis non mi stancherò mai di ripeterlo, andate dal veterinario solo lui ha le conoscenze e le capacità per curare il vostro amico peloso, individuerà la causa e vi prescriverà la cura più efficace, vedrete in poco tempo il vostro gatto tornerà quello di sempre.
Però ci sono dei piccoli accorgimenti da affiancare alla cura del veterinario che possono aiutare:
– Riempite la sua cuccia o il posto in cui è solito dormire con vecchi plaid o coperte di lana per tenerlo sempre ben al caldo.
– Tenete sempre una ciotola di acqua fresca e pulita, in modo che possa reintegrare bene i liquidi.
– Cercate di invogliarlo a mangiare magari comprando qualche scatoletta od omogenizzato, anche poco basta, per far si che recuperi le forze.

Seguendo questi piccoli accorgimenti e le raccomandazioni del veterinario vedrete che in poco tempo il vostro gatto tornerà quello di sempre.