Per il gatto, vero buongustaio nonché amante della pulizia, il momento del pasto è fondamentale, perciò seguiamo alcune facili regole che gli dimostrino appieno il nostro affetto e rispetto.

Il luogo in cui somministriamo il pasto al gatto deve trovarsi in un punto della casa in cui l’animale non venga disturbato da rumori eccessivi o presenze estranee. Se possediamo più gatti, ognuno deve avere le proprie ciotole personali: una per il cibo solido, una per l’acqua e se il micio non presenta intolleranza al lattosio anche una per il latte.
La ciotola per l’acqua deve avere i bordi più alti delle altre e trovarsi sempre piena, soprattutto se il gatto predilige i croccantini. Tutte le scodelle del gatto non devono presentarsi troppo leggere per evitarne il ribaltamento e devono essere provviste di gomma antiscivolo sotto la base in modo che rimangano ferme durante il pasto.
Il gatto è un animale assai pulito, quindi le ciotole che hanno contenuto il suo cibo vanno lavate ogni giorno, in bagno per preservare l’igiene della nostra cucina, con acqua calda e se

nza detergenti. Se il nostro animale da compagnia ama estrarre i bocconcini dalla ciotola per poi mangiarli sul pavimento, sarebbe bene porvi sotto un giornale.
Quanto deve mangiare il gatto? In generale, 150 grammi di cibo al giorno ogni 4,5 chili di peso corporeo, somministrati una o due volte al giorno lasciando gli avanzi nella ciotola in modo che il micio torni a saziarsi in qualunque momento lo desideri.
Le ciotole per gatti si trovano in commercio anche online e i materiali più utilizzati sono la plastica, la ceramica e l’acciaio inox. Le scodelle in plastica sono più economiche, però hanno l’inconveniente di deteriorarsi facilmente e di diventare veicolo di batteri che in alcuni casi possono provocare una infezione sotto il mento del gatto da curare con pomata antibiotica. La ciotola in acciaio inox è più duratura ma meno personalizzabile: la scelta dipende soprattutto dal nostro gusto personale.
I prezzi delle ciotole per gatti vanno dai 2 Euro ai 15 Euro per quelle più estrose o personalizzate. Per quando viaggiamo con il gatto al seguito esistono in commercio mangiatoie da applicare al trasportino, mentre se il nostro animale da compagnia deve aspettarci a casa fino al nostro ritorno sarà bene fornirgli la fontanella che distribuisce l’acqua in continuo e il distributore di croccantini che si apre ad orari prestabiliti o al passaggio del gatto.