I gatti, contrariamente a quanto si possa pensare, non dispongono di un senso del gusto molto sviluppato. I mici “a tavola” si affidano molto al loro olfatto: se la pappa ha un odore invitante allora si mangia, altrimenti si abbandona nella ciotola fino a data da destinarsi.

 

È importante variare la dieta del gatto, scegliendo cibi umidi da alternare alle crocchette ed, ogni tanto, a qualche piatto “fatto in casa”. Nei cibi umidi è contenuta molta acqua e, poiché i nostri amici felini non amano bere, si tratta di un’ottima soluzione per integrare i liquidi necessari alla salute.

Anche le crocchette vanno consumate regolarmente, perché aiutano a mantenere sani i denti e contengono solitamente più Vitamina E rispetto al cibo umido. Questo elemento è essenziale per lo sviluppo delle ossa. Prestare molta attenzione alle etichette: alcuni mangimi non sono completi, e vanno integrati con altri alimenti. In ogni caso è importantissimo fornire una ciotola d’acqua all’amico a quattro zampe ed accertarsi che abbia bevuto a sufficienza dopo aver consumato un pasto di cibo secco.

 

Ogni tanto, magari per premiare il il gatto quando si dimostra ben educato, ci si può dedicare alla preparazione di un gustoso piatto fatto con le proprie mani. La sezione Ricette di Petsparadise è ricca di consigli utili per chi vuole provare a diventare chef per il proprio amico.