Molte persone soffrono di allergia al gatto. Si tratta di una reazione ad alcuni enzimi contenuti nella saliva dei mici, e non del pelo, come spesso erroneamente si sostiene.

allergia gatto
Chi patisce in forma lieve di allergia al gatto può cercare di gestirla e contenerla, per non privarsi dell’amore che questi pets possono regalare.

Ecco dunque 7 consigli utili per controllare l’allergia al gatto:
1. Trovare un buon allergologo

Rivolgersi ad un allergologo è la chiave per vivere con successo il rapporto con un gatto pur soffrendo di allergia. Un esperto può dare consigli specifici sui cambiamenti ambientali e alimentari, farmaci o immunoterapia.

2. Attenzione al contatto con la lettiera

Nella lettiera del vostro gatto si trovano peli, resti di urina ed altro ancora. Un covo di allergeni, che è meglio spostare all’esterno se possibile, o comunque avere molte attenzioni quando ci si avvicina ad essa. Ricordarsi di indossare una maschera e lavarsi le mani dopo averla pulita.

3. La camera da letto deve essere una “free zone”

Non c’è alcuna necessità di bandire il vostro gatto da tutta la casa, ma è una buona idea per gestire la propria allergia lasciarlo fuori della vostra camera da letto. Sarebbe molto difficile riuscire a dormire.Se prorpio il micio dovesse insistere per dormire insieme, evitate almeno di farlo salire sul letto.

4. Usare filtri ad alta efficienza

Pulire le moquette, tappeti, pavimenti e mobili con strumenti con filtro dell’aria (HEPA) ad alta efficienza. Questi filtri possono intrappolare le particelle di piccole dimensioni, come i peli di animali domestici. Se possibile, si dovrebbe anche prendere in considerazione l’acquisto di un purificatore d’aria con filtro HEPA per la casa. Il vostro naso vi ringrazierà.

5. Pulire frequentemente

Cercate di lavare lenzuola e coperte almeno una volta a setttimana. Altrimenti il rischio di sofferenza per allergia cresce sensibilmente.

6. Fare il bagno al gatto ogni settimana

Sembra folle e per lui non sarà un piacere, ma deve essere lavato una volta alla settimana affinché sia possibile la convivenza nonstante una leggera allergia. Utilizzare uno shampoo per gli animali domestici che non secca pelle e capelli. E sì, lo si può fare senza essere graffiati. Meglio abituarlo ai bagnetti quando è ancora cucciolo. Se poi un amico o un parente che non soffre di allergia potesse lavarlo, sarebbe ancora meglio!

7. Lavarsi le mani

Non è da sottovalutare, dopo aver accarezzato un gatto le tue mani sono coperte di allergeni! Lavarsi le mani dopo ogni sessione di carezze, per avere meno starnuti e più coccole!