Ieri negli Stati Uniti era la giornata nazionale del gatto, nata per sensibilizzare la popolazione, in particolare, sul tema delle adozioni dei cuccioli senza casa.

gatto

Uber è un progetto che si occupa di tutt’altro, solitamente, rispetto ai pets: si tratta di un sistema che consente di prenotare e utilizzare auto con conducente (che non sono taxi, e per questo è già sotto accusa dai tassisti) e di effettuare il pagamento direttamente da app mobile.
Per la giornata nazionale del gatto USA, però, Uber ha dato il suo contributo con una iniziativa carina dedicata alle adozioni dei cuccioli, o almeno a favorirle: per tutta la giornata di ieri, nelle principali città statunitensi, era possibile “prenotare un gatto a tempo”.

 

Nel dettaglio: trovandosi a casa o sul posto di lavoro era possibile, dietro il pagamento di minimo $30 dollari, ricevere un gattino con cui giocare per un quarto d’ora. Certo deve essere stato uno stress per i gatti, ma è stato per una buona causa: Uber ha così sensibilizzato sul tema delle adozioni e l’intero ricavato dell’iniziativa è stato donato ai rifugi che hanno dato disponibilità per i cuccioli a tempo.
Il progetto è stato creato da Uber in collaborazione con l’American Society for the Prevention of Cruelty to Animals.