Il furetto appartiene ai Mustelidi, è carnivoro, domestico e non è in grado di vivere alla stato selvatico, vive circa dieci anni, in alcuni casi fino a quattordici; affinché l’animale possa vivere a lungo bisogna mantenerlo in buona salute, prevenendo e curando le principali patologie che potrebbero colpirlo.

MALATTIE PARASSITARIE
Filarios
i: questa patologia può essere letale, è importantissimo prevenirla con una profilassi adeguata che si serve di vermectina; è causata da un parassita chiamato Dirofilaria Immitis, le cui larve vengono inoculate nel sangue del furetto mediante le punture di zanzare; tali larve. attraverso il torrente circolatorio, arrivano al cuore, dove si stabilizzano causando la malattia. Sintomatologia: debolezza muscolare, letargia, anoressia, tosse persistente, versamento pleurico, interessamento cardiaco, morte. Non ci sono terapie, ma solo prevenzione.
Pulci: questi parassiti vengono trasmessi da cani e gatti; provocano: pruriti diffusi, perdita di pelo, formazione di croste causate dal grattamento continuato, dimagramento, astenia.
Acari: parassiti che si insediano nel cerume delle orecchie causando prurito persistente e grattamento.
Coccidiosi: causata da parassiti intestinali che provocano diarrea diffusa e disidratazione.

MALATTIE VIRALI
Cimurro: causato da un virus letale; ha un’incubazione di 7-10 giorni e si manifesta con: febbre, eritema diffuso, congiuntivite, scolo nasale e oculare muco-purulento, feci nerastre (contenenti sangue digerito), astenia, croste cutanee, lesioni dermiche, lesioni cerebrali, morte. Non esiste terapia, ma prevenzione mediante vaccinazione.
Rabbia: causato da rhabdovirus. Si tratta di una patologia sempre letale che richiede una vaccinazione in quanto non esiste terapia. In Italia non sussiste questo rischio, ma la vaccinazione è obbligatoria per l’estero.
Influenza: causata da virus con ceppi simili a quelli umani (A, B); il contagio avviene da furetti ammalati e da umani infetti. L’incubazione è di 7 giorni, i sintomi sono: febbre, starnuti, tosse, astenia, vomito, diarrea. Patologia benigna che richiede terapie adeguate, reidratazione ed ambiente caldo.
Malattia Aleutina: causata da un parvovirus; ha un’incubazione lunghissima (anni), si manifesta con: febbre, calo ponderale, feci nerastre, incontinenza urinaria, tremori, paralisi, morte.
Gastroenterite: la digestione del furetto è molto veloce, le sue feci sono piuttosto liquide. Diarrea frequentemente è causata da infezioni virali, allergie alimentari, ingestione di corpi estranei.
Helicobacter Mustelae provoca ulcera con vomito, diarrea, feci nere, dolore, digrignamento dei denti.
ECE (Enterite Catarrale Epizootica) è una forma gravissima, spesso letale.