Se avete scelto un furetto come animale da compagnia e siete alle prese con i primi giorni di convivenza, vi potrebbe capitare di notare che il cucciolo tende a morsicare voi e gli altri membri della famiglia. Prima di essere vittima di allarmismi inutili, è bene imparare a capire il comportamento del vostro nuovo amico e stabilire se quando morde lo fa per giocare o per altre ragioni. Nel primo caso, è probabile che il furetto pensi di avere a che fare con i suoi simili e si senta libero di morsicare senza farsi troppi problemi, non avendo ancora imparato a dosare il suo livello di forza.

E’ meglio, dunque, per i primi tempi di convivenza, cercare di lasciarlo tranquillo e di invitarlo alla lotta utilizzando un nostro vecchio indumento. Questo sarà il modo con il quale capirà che potrà giocare con noi senza necessariamente aggredirci. Solo quando sarà stanco e noteremo che non gli va più di giocare, potremo stabilire un contatto più ravvicinato prendendolo in braccio e coccolandolo senza che il cucciolo si senta nervoso.

Potrebbe, al contrario, capitare che il furetto vi aggredisca senza ragione alcuna e al di fuori di una sessione di gioco: in questo caso, se ad esempio lo state tenendo in braccio, allora sgridatelo con forza prestando però attenzione a non agitare freneticamente le vostre mani. Questo, infatti, potrebbe aumentare la paura nell’animale portandolo ad aggredirvi ulteriormente: niente schiaffi o calci che tenderebbero a far scambiare i gesti per gioco autorizzando l’animale a continuare su questa strada.

L’unico contatto fisico permesso quando il vostro furetto vi morde è quello di afferrarlo per la collottola, esattamente come si comportava sua mamma quando voleva sgridarlo o correggere un suo comportamento errato. Appena noterete che sta sbadigliando, dovrete interrompere la presa essendo lo sbadiglio il segno che il furetto si sta arrendendo a voi. E’ in questo momento che lo premierete con una dose supplementare di coccole ed un po’ del suo cibo preferito.

E se ancora non avrà imparato a dosare la forza nei suoi morsi, allora quando capiterà dovrete prenderlo con forza sulla collottola e mentre lo rimproverate con un sonoro “No!”, soffiattegli sul musetto. Noterete presto un miglioramento dei suoi atteggiamenti.