Chi non ha mai pensato di possedere come animale di compagnia un simpatico coniglietto in casa? Molti, secondo le ultime tendenze del momento, tanto che un numero sempre maggiore di persone ha provveduto ad acquistarne uno.

Le regole da seguire per il suo mantenimento non sono molte, quindi, anche dal punto di vista del tempo da impiegare non è molto impegnativo. Innanzitutto, partiamo dal presupposto che il coniglio è’ un animale che ama interagire con l’uomo e che adora fare “danni” in casa, come per esempio rosicchiare mobili e scavare buche nel giardino. E’ assolutamente doveroso, quindi, porre la gabbietta che ospiterà il nostro simpatico ospite in un ambiente dove può tranquillamente girare senza incontrare cavi elettrici, oggetti in vimini. Questa, inoltre, dovrà essere posta in un luogo tranquillo, lontano da apparecchi elettrici rumorosi come televisori e radio e, soprattutto, lontano da correnti d’aria o da posti troppi assolati; il coniglio, infatti, soffre moltissimo le temperature troppo alte e talune volte il caldo torrido gli è addirittura fatale.

Come fare per i bisognini e la pulizia? Sappiate che il simpatico mammifero non può passare troppo tempo dentro la gabbietta, anche perchè altrimenti rischiamo che si sfoghi lasciando le classiche “palline” per tutta la stanza, il che non è né bello, né troppo salutare. La lettiera va cambiata spesso ed almeno una volta a settimana va pulita con acqua e detersivi (neutri e poco odoranti).
Per quanto riguarda l’alimentazione, l’apporto di fibre è assolutamente basilare per il coniglio, quindi grandi quantitativi di fieno fresco (può essere acquistato tranquillamente nei negozi specializzati di animali) non devono mai mancare giornalmente, tutto ciò per un corretto funzionamento dell’intestino ed un ottimo sviluppo della dentatura.
I vegetali come, il prezzemolo, la cicoria, l’indivia, e la frutta assunta però saltuariamente completano la dieta ideale per il nostro caro amichetto. Assolutamente da evitare, invece, cibi come la cioccolata, i biscotti, i dolci in generale, i cracker, e la frutta secca. Un’ultima osservazione riguardanti i liquidi: è consigliabile somministrare acqua con dosatori a goccia, per evitare che l’utilizzo di ciotole provochi dermatiti nella zona del mento del coniglio.