Si doveva avere la giornata del coniglio all’Expo di Milano come amico e non come cibo. “Altro che giornata del coniglio nel piatto, il coniglio deve essere tutelato e rispettato come un animale da compagnia. Allora sì varrebbe la pena di dedicargli una giornata”, dice Michela Vittoria Brambilla, Forza Italia, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente.

Michela-Vittoria-Brambilla-e-coniglioLa deputata è l’autrice della proposta di legge per il riconoscimento del coniglio come animale d’affezione.

Ieri l’Expo ha ospitato la ‘giornata’ della carne di coniglio.

“Purtroppo non è solo un mezzo flop – attacca – come dimostrano (tra gli altri) i dati di Federalberghi sulle presenze degli stranieri, ma una vergogna: invece di accreditarsi come luogo privilegiato per una riflessione approfondita sui temi dell’alimentazione, sul rapporto tra uomo e cibo, uomo e ambiente, uomo e animali, si è sviluppato come una mega-fiera globale, in cui ciascun imbonitore magnifica le ‘delizie’ del suo baraccone, compresi gli hamburger di zebra e di coccodrillo. Expo vede gli animali soltanto come cibo. È davvero un’occasione perduta.”