L’Enpa, la Lega Nazionale per la Difesa del Cane e Associazione Canili Lazio Onlus (ACL) esprimono tutta la loro indignazione per l’atto criminoso che è successo al canile “Rifugio Italia” gestito in Ucraina da Andrea Cisternino, l’attivista italiano. Il rifugio è stato distrutto da un incendio e 75 cani hanno perso la vita tra le fiamme. Solo pochi cani sono riusciti fortunosamente a salvarsi.

Incendiato il rifugio gestito da Andrea Cisternino, 75 cani morti tra le fiamme
Incendiato il rifugio gestito da Andrea Cisternino, 75 cani morti tra le fiamme

Andrea è impegnato nella tutela dei randagi. Nel 2012 aveva denunciato il massacro dei trovatelli ucraini in occasione di Euro 2012.

L’Enpa aderisce e rilancia la petizione a sostegno di Andrea.

La petizione che si può essere sottoscritta a questo link, dice che secondo Andrea, le autorità ucraine avrebbero minimizzato l’accaduto che sarebbe invece da ricollegare all’impegno animalista svolta in loco dal volontario italiana.

L’Enpa considera l’accaduto un vero e proprio atto intimidatorio, dunque, e nel condannare un atto criminale così riprovevole, esprime solidarietà e vicinanza all’attivista italiano, da sempre in prima linea per salvare i randagi ucraini da una vita di violenza e soprusi.

“Senza parole per questo gesto mostruoso, è un giorno veramente triste,” ha detto ACL.

Lega Nazionale per la Difesa del Cane esprime tutta la sua indignazione per la strage, per l’uccisione di quegli animali uccisi con efferatezza e senza ragione, per le ripetute minacce di morte ad Andrea. L’organizzazione ha detto che scriverà una protesta ufficiale all’Ambasciata ‪‎Ucraina‬ in Italia.

Lega Nazionale per la Difesa del Cane vi invita tutti a stare al fianco di Andrea anche con un piccolo aiuto economico affinché possa ricostruire il suo rifugio, oasi di speranza per tanti cani martirizzati da individui che con gli esseri civili non hanno nulla a che spartire.

Il tuo piccolo aiuto contribuirà a ricostruire un sogno
BONIFICO BANCARIO:
Banca Monte dei Paschi di Siena – Conto intestato a: Andrea Cisternino
Cod. IBAN : IT 02 O 01030 01661 000001396774
Cod. BIC/SWIFT : PASCITM1645
Causale: DONAZIONE BENEFICA I.A.P.L. ONLUS

La petizione può essere sottoscritta a questo link.

Ecco cosa resta del Rifugio e ci hanno pure minacciato , ma se credono che io me la faccio sotto si sbagliano , per la polizia ucraina come sempre non e’ colpa di nessuno .

Posted by Andrea Cisternino on Sunday, 12 April 2015