La festa degli innamorati si avvicina e spesso l’uomo non è all’altezza della situazione. Pochi sono i romantici, gli entusiasti, insomma coloro a cui ancora piace passare San Valentino in compagnia della loro dolce metà.

English bulldog puppy with valentine rose.

Eppure c’è chi non rinuncerebbe mai alla vostra presenza, in nessun giorno dell’anno, compreso quello di cupido: non lo immaginate? Si tratta del vostro cane naturalmente, per il quale siete la persona più importante, una priorità che non passerà mai di moda.

 

E allora ecco 6 motivi divertenti per cui un cane è meglio di un uomo.

 

1. Un cane è più ordinato rispetto a un uomo. È vero, l’amico a quattro zampe spesso combina qualche disastro, ma tutto sommato non lascia in frigorifero contenitori vuoti di salsa, bottiglie di birra aperte o boxer in giro per casa, né dimentica tazze sporche o contenitori per alimenti in macchina.

 

2. Un cane sa sempre dove sono le cose che cerca. Probabilmente è un questione di olfatto, ma l’amico peloso può individuare i suoi giocattoli, la sua cuccia, la sua ciotola di cibo, il tutto senza il vostro aiuto. Pertanto, non lo troverete mai davanti al frigorifero con lo sportello aperto a chiedere qualcosa come: “Dov’è la maionese? Io non riesco a trovarla”.

 

3. Al vostro fedele segugio non importa della vostra linea: grasse o magre vi amerà lo stesso incondizionatamente e, anzi, sarà felice di restare ai vostri piedi mentre vi mangiate una gustosa coppa di gelato.

san valentino cane 2

 

4. Gli interessi in comune non sono un problema per il quattro zampe che vi tiene compagnia: ciò che amate lo amerà incondizionatamente anche lui, che si tratti di concerti, film o libri di poesie.

 

5. Lo stesso discorso vale per l’abbigliamento: con il vostro cane non avrete bisogno di indossare una mini gonna e i tacchi a spillo per fare colpo, la vostra tuta preferita andrà benissimo.

 

san valentino cane 1

 

6. Il vostro cane conosce fin troppo bene il valore delle coccole e al contrario del vostro uomo non ve ne priverà mai.

 

Roberta Ravelli