Non è affatto insolito che i nostri amici a quattro zampe presentino problemi di stomaco, flatulenza o diarrea. Chiaramente la cosa migliore da fare è sempre consultare uno specialista veterinario, ma con piccole accortezze possiamo da soli dar loro sollievo. Cerchiamo di capire insieme quali siano questi disturbi, quali i più pericolosi, come riconoscerli, prevenirli e curarli.

Nel caso di disturbi digestivi solitamente siamo noi padroni a non fornirgli la giusta dieta equilibrata, ma può anche succedere che i nostri cani possano entrare in contatto con cibo avariato o non commestibile. In questo caso è fondamentale non farsi prendere dal panico e lasciare a digiuno il cane per 24 ore; questo darà allo stomaco la possibilità di riprendersi.Come accade per noi uomini, anche per i cani in queste situazioni è importante bere moltissima acqua. Solo dopo è possibile riprendere ad alimentarlo,ma è necessario che questo avvenga in piccole dosi e con l’utilizzo di cibo solido.Un buon pasto potrebbe essere del riso in bianco o del pollo lesso. Se i vostri cani presentano male allo stomaco lasciate in infusione, in 250 ml di acqua, due cucchiaini di camomilla e una volta raggiunta la temperatura ambiante somministrategliela. L’attività fisica e una dieta varia e ricca di fibre può aiutare a contrastare la formazione di gas nello stomaco.

Purtroppo esistono anche vere e proprie patologie che colpiscono lo stomaco e che se non prese in tempo possono portare alla morte dell’animale. Di queste la Dilatazione – Torsione dello stomaco (GDV: dall’inglese Gastric Dilatation-Volvolus) è la più comune e tende a colpire maggiormente cani di razza pura e di grande taglia; Alano e San Bernardo le razze più colpite. Un cane affetto da GDV presenterà un improvviso dilatamento del ventre seguito da frequenti conati di vomito. Sarà caratterizzato da uno stato di forte ansia e da un respiro ansimante a bocca aperta. In questo caso solo un medico competente potrà davvero dare aiuto, quindi vi consiglio di mantenere sempre la calma, per infondere sicurezza al vostro cane, e di trasportarlo verso la clinica più vicina. Da parte nostra noi possiamo prevenire la patologia facendo in modo che il momento del pasto avvenga in maniera tranquilla e lenta, somministrando magari un alimento in grande crocchette o posizionando un oggetto al centro della ciotola che costringa il cane a girargli intorno, che la ciotola sia posizionata all’altezza della testa per impedire che venga ingerita troppa aria. Ricordiamo di rispettare le due ore di riposo dopo il pasto poiché l’attività fisica a stomaco pieno può causare disturbi.