Riceverà 2000 euro la persona che fornirà l’informazione per identificare il rapinatore/animalicida che ha ucciso un cane che difendeva il suo padrone durante il rapimento.

golden retrieverIl 3 giugno, a San Pietro Vernotico (BR), in Puglia, il malvivente ha freddato con un colpo d’arma da fuoco un eroico cane, “colpevole” di aver cercato di difendere il suo padrone dall’aggressione del bandito.

Maria Teresa Corsi, presidente della sezione Lega Nazionale per la Difesa del Cane (LNDC) di Galatone, ha offerto la somma per scoprire il malvivente autore dell’efferato gesto.

“In sede processuale ci costituiremo parte civile “, annuncia LNDC ricordando che l’uccisione di un animale è un reato non soltanto vigliacco e intollerabile ma anche contemplato dal codice penale (articolo 544 bis) e prevede fino a due anni di reclusione.