I cani hanno un rapporto molto speciale con i loro padroni e non apprezzano le persone che li maltrattano.

E’ il risultato della ricerca guidata da Kazuo Fujita, professore di cognizione comparativa all’Università di Kyoto.

looking-dogI ricercatori hanno utilizzato tre gruppi di 18 cani in giochi di ruolo che prevedevano la presenza del padrone e di altre due persone, più o meno collaborative con il padrone stesso, per valutare la reazione degli animali.

In tutti e tre i gruppi, il proprietario che doveva aprire una scatola, è stato accompagnato da due persone che il cane non conosceva.

Nel primo gruppo, il proprietario ha chiesto aiuto ad una delle persone che ha rifiutato di farlo.

Nel secondo gruppo, il proprietario ha chiesto e ricevuto aiuto da una delle persone sconosciute.

In entrambi i gruppi, la terza persona era neutrale e non ha aiutato o rifiutato di aiutare.

Nessuno delle due persone ha interagito con il proprietario del cane nel terzo gruppo.

Dopo aver osservato tutta la scena, le due persone sconosciute hanno offerto il cibo al cane.

I cani hanno rifiutato il cibo offerto dalle persone che avevano rifiutato di aiutare i loro padroni.

“Abbiamo scoperto per la prima volta che i cani fanno valutazioni sociali ed emotive delle persone a prescindere dal loro diretto interesse – ha spiegato Fujita – Questa capacità è uno dei fattori centrali nella costruzione di una società altamente collaborativa e questo studio dimostra che i cani condividono questa abilità con gli esseri umani.”