“Migliaia di cani negli Stati Uniti sono morti o si sono ammalati dopo essersi cibati di un particolare tipo di petfood“: questa la dichiarazione di Frank Lucido proprietario di tre amici a quattro zampe che rientrano nel caso in questione.

Proprio per questo motivo l’uomo ha intentato una causa legale contro la Nestle Purina PetCare Companycasa produttrice delle crocchette “Beneful”: secondo quanto sostiene Lucido questo particolare tipo di petfood conterrebbe un composto utilizzato nei liquidi antigelo dei veicoli, insieme ad un gruppo di tossine. Inoltre più di 3.000 reclami simili sono stati presentati in seguito all’ammalarsi o alla morte di cani che sono stati alimentati con le crocchette “Beneful” negli ultimi quattro anni.

petfood mortale

Gli animali in questione hanno effettivamente mostrato sintomi compatibili come dolori allo stomaco ed emorragie interne relative, vomito, diarrea, disidratazione, perdita di peso, convulsioni, insufficienza renale e disfunzione o insufficienza epatica.

I dirigenti statunitensi di Purina attraverso una dichiarazione riportata sul The Indipendent hanno insistito sul fatto che il loro prodotto è assolutamente qualitativo o non mette a rischio gli amici a quattro zampe che ne fanno uso. Hanno aggiunto inoltre, che come gli altri alimenti per animali domestici, Beneful è a volte oggetto di disinformazione soprattutto sui social media.

petfood mortale 1

Per quello che riguarda i componenti delle crocchette Purina, gli esponenti della nota casa di produzione di petfood hanno voluto precisare che l’uso di glicole propilenico (PG) nella preparazione del cibo per cani non deve essere assolutamente confuso con glicole etilenico, l’antigelo utilizzato per le automobili. Glicole propilenico, infatti, ha una struttura molecolare diversa, che permette di essere usata in modo sicuro nei mangimi, così come negli alimenti umani. In realtà, attualmente non esiste nessun tipo di collegamento dimostrato. Proprio per questo ci sono delle analisi in corso i cui risultati saranno disponibili tra alcune settimane.

Per andare più a fondo su questa faccenda che ha coinvolto davvero troppi amici a quattro zampe abbiamo chiesto anche a Purina Italia di fare una dichiarazione su quanto accaduto negli Stati Uniti: “In merito alle notizie circolate in rete negli ultimi giorni relativamente alla causa legale intentata negli Stati Uniti contro il marchio Beneful desideriamo innanzitutto rassicurare tutti i proprietari di pet che nessuno dei prodotti a marchio Beneful è attualmente commercializzato in Italia. Accade occasionalmente che Beneful, come altri marchi di PURINA®, sia oggetto di disinformazione in rete e sui social media. I post online contengono spesso affermazioni false, non verificate e fuorvianti che possono causare preoccupazioni per i proprietari di animali da compagnia. In PURINA su qualità e sicurezza non accettiamo compromessi, per questo produciamo con la massima serietà tutti i nostri alimenti, senza eccezioni. Lavoriamo ogni giorno guidati da un’idea semplice ma forte, che per noi fa una grande differenza: crediamo che quando fra una persona e un animale da compagnia nasce un legame, la vita diventi più ricca. E lavoriamo ogni giorno per cercare di giocare un ruolo importante in questo arricchimento, attraverso prodotti e servizi“.