E se chi ama gli animali volesse condividere con il proprio cane il giorno del matrimonio? Questa domanda è ciò che deve aver spinto una ragazza a dare vita, quattro anni fa, al “Wedding Dog Sitter”.

 

 

 

Questa particolare agenzia si occupa di tutto quel che serve per poter avere Fido all’altare nel giorno del proprio “sì”.

Elisa Guidarelli, questo il nome della creatrice di questa singolare attività, è una trentunenne di Roma la quale, spiegando in cosa consiste il suo lavoro ha affermato che

“assiste l’animale in quel momento di confusione, pieno di persone che non conosce e lo prende per levarlo da una situazione di stress e portarlo a giocare o a fare una passeggiata”.

 

Dopo questo primo passaggio, nel caso in cui sia possibile, porta il cane all’altare. In caso contrario, rimane fuori con lui, per poi andare insieme al ricevimento.

Tante sono le richieste che “Wedding Dog Sitter” ha esaudito, come quella di una sposa che ha voluto che i propri cani venissero vestiti con un collare “ad hoc” per l’importante occasione o quella di altre spose che hanno chiesto di far portare al cane le fedi nuziali. C’è anche chi ha richiesto di scattare foto o fare dei video dalla prospettiva di Fido, per fare in modo che anche l’amato cane avesse il suo “book fotografico”.

 

Come è facile immaginare, non sono mancati i momenti divertenti, ad esempio quando un cane molto legato alla propria padrona ha abbaiato nel momento clou della cerimonia, quello del “sì”.

 

Elena Guidarelli ci tiene però a specificare di non concedere mai il proprio benestare a richieste che possano ledere la dignità del cane, come ad esempio quelle di colorargli il pelo o le unghie. Il motivo, come ha voluto sottolineare, è da ricercare nel fatto che per lei la parte più importante della propria attività è

“quella di preservare il cane da una situazione di stress, assicurandosi che possa stare tranquillo e godersi tutta la giornata, dalla cerimonia fino al ricevimento”.

 

Dal 2010 sono state più di 80 le coppie di sposi che si sono rivolte all’agenzia e in questo 2014 è arrivata la prima richiesta dall’estero, più precisamente dall’Inghilterra.

 

weddingdogsitter3
Insieme al proprio cane in un giorno davvero importante!

 

Ma come è nata questa attività, che per ora è l’unica di questo tipo nel nostro Paese? Elena Guidarelli ha deciso di cimentarsi in questa avventura il giorno in cui a pronunciare il fatidico “sì” è stata lei.

Infatti, è stato proprio nel giorno più bello della sua vita che si è resa conto che, a differenza di altri Paesi (Usa e Inghilterra), in Italia ancora non esisteva un servizio che permettesse agli amanti degli animali di avere i propri cani con sè in tutta tranquillità in un momento così importante..
Ora invece, grazie a “Wedding Dog Sitter”, con una spesa che si aggira in media sui 700 euro, tutti coloro che vorranno condividere con il proprio cane questo momento così importante, potranno farlo.

 

 

Roberta Ravelli