L’otite dei cani è una delle patologie più comuni e diffuse, la causa scatenante può essere la comparsa dei primi freddi, alcune tipi di allergie o la presenza di corpi estranei all’interno dell’orecchio. Esistono tre tipi di otite: esterna, media e interna secondo la profondità in cui si sviluppa l’infiammazione. La prima è la forma più frequente e meno invasiva se trascurata può degenerare in media o interna procurando seri danni all’udito.

Come riconoscere i sintomi dell’otite?
Se il vostro cane soffre di otite, i sintomi saranno facilmente individuabili e tutti piuttosto evidenti:
L’animale scuoterà la testa frequentemente.
Si gratterà l’orecchio interessato dall’infiammazione in maniera eccessiva procurandosi talvolta delle ferite esterne.
Il cerume prodotto sarà maggiore rispetto alla norma.
L’orecchio sarà maleodorante e in alcuni casi si noterà la presenza di secrezioni scure.
Toccando la base dell’orecchio, il cane accuserà dolore.
Si deve prestare molta attenzione ai sintomi su esposti e curare tempestivamente le forme di otite esterna perché se trascurate, potranno trasformarsi facilmente in otite media con possibile perforazione della membrana timpanica e nei casi più gravi in otite interna, qui l’infiammazione interessa la zona del labirinto e potrebbe provocare la sordità del cane. Mentre la sintomatologia dell’otite esterna e media sono simili, nei casi di otite interna, il dolore avvertito dall’animale sarà maggiore, tenderà a ruotare la testa dalla parte interessata dall’infiammazione, girerà su stesso cadendo sul lato malato e rialzandosi con crescente difficoltà, farà fatica a mangiare e potrebbe manifestare episodi febbrili .

La migliore cura contro l’otite è la prevenzione, pulire periodicamente le orecchie del cane riduce notevolmente le probabilità di contrarre questa fastidiosa patologia. Se nonostante tutto Fido dovesse ammalarsi, la cura sarà rappresentata da farmaci ad azione antibatterica, antimicotica, antinfiammatoria e antiparassitaria da somministrarsi perlopiu sotto forma di gocce otologiche insieme ad antibiotici o antimicotici da somministrare per via orale. Il fai da te in questi casi è altamente sconsigliato, qualsiasi farmaco deve essere oggetto di apposita prescrizione veterinaria preceduta da un’accurata visita per determinare le cause e la forma specifica di otite. La terapia generalmente prescritta non sarà una cura breve. Saranno necessari in media dieci giorni di cure ma potrebbero non essere sufficienti, in ogni caso l’errore da evitare è interrompere la terapia prima del termine per il semplice fatto che il cane sembra aver superato la fase acuta della malattia.