«Vogliamo capire se il cane funziona come lo yogurt per l’uomo»: Kim Kelly cerca di spiegare così con una metafora, e un po’ di ironia, il senso dello studio sull’effetto sulla nostra salute dei baci dei cani.

bacio cane effetto
Kelly è ricercatrice in antropologia per l’Arizona Univeristy, e sta lavorando ad un’analisi per verificare il potenziale effetto probiotico che avrebbero alcuni microbi presenti nello stomaco dei cani.

In questa prima fase di ricerca il focus è sull’effetto benefico dei baci dei cani sugli anziani, monitorando, nel corso dei prossimi mesi, gli eventuali cambiamenti positivi psicofisici dopo i contatti con i cani e dopo le loro “leccate”. Per questa analisi si sono uniti anche ricercatrori dell’Università di San Diego.

«Pensiamo – ha spiegato il dottor Charles Raison, a capo della ricerca – che i cani potrebbero agire come probiotici per migliorare la salute dei batteri che vivono nelle nostre viscere. Questi batteri, o microbioti intestinali, sono sempre più riconosciuti come utili nel giocare un ruolo essenziale sulla nostra salute fisica e mentale, soprattutto con l’avanzare dell’età».
Si tratta di una nuova fase della ricerca sull’effetto salutare dei cani: sono già stati provati scientificamente i benefici per i bambini che, quando crescono a contatto con un cane, riducono i rischi di asma e di alcune allergie.