L’inverno è una stagione spesso poco amata a causa del freddo pungente, del maltempo frequente e soprattutto per i malanni di stagione: basta però sapere come affrontarli nel modo giusto per evitarli… anche agli amici a quattro zampe!

 

Le malattie dei cani legate all’inverno sono molto simili a quelle degli esseri umani, e sono sostanzialmente legate all’apparato respiratorio: bronchiti, polmoniti, raffreddori. Per tutelare i pets bisogna fare attenzione soprattutto agli sbalzi di temperatura nel passaggio da un ambiente interno ad uno esterno, e ripararli dal freddo se si tratta di cani con un manto poco adatto alle temperature più rigide.

La regola in inverno è controllare sempre il naso: il cane in salute presenta il tartufo umido e privo di secrezioni, mentre in caso di secchezza o di comparsa di perdite potrebbe esserci una forma patologica da raffreddamento.

 

Un altro pericolo della stagione fredda è rappresentato dall’umidità: che si tratti di pioggia o di neve, il manto del cane deve essere monitorato, perché non può restare a lungo bagnato.

In caso di neve, inoltre, è importante ricordare che i cani amano mangiarla, ma è meglio impedirglielo perché se ingerita in eccessiva quantità può provocare gastriti anche molto fastidiose.

Tenere sempre lontano dalla portata dei cani il liquido antigelo, dal sapore dolciastro ma altamente tossico.

 

Ci sono infine alcune disturbi che peggiorano con la brutta stagione, come le malattie delle articolazioni, che certamente risentono del clima rigido, e le disfunzioni ormonali, che rendono leggermente più difficoltosa la termoregolazione, ovvero il mantenimento della temperatura corporea; oltre agli animali malati, proprio come per gli esseri umani, le altre categorie più a rischio nel cambio di stagione sono quelle più deboli come cani anziani o cuccioli.

 

Riguardo alla termoregolazione non bisogna dimenticare che molti cani vivono fuori casa e per loro il principale rischio, in inverno, è l’ipotermia, anche nel caso di cani “nordici”: al di sotto degli zero gradi i veterinari sconsigliano l’esposizione al freddo, soprattutto evitando di lasciare il pet in auto anche solo per una sosta temporanea.