Le persone non più giovani certamente ricordano che tanti anni fa il fenomeno del randagismo veniva affrontato con “metodologie estreme”. Quando i cani randagi erano troppi, venivano soppressi. Per fortuna il nostro Paese è riuscito ad eliminare questa barbara usanza con la Legge n.281 del 14 agosto 1991. Le leggi anti-abbandono sono state fondamentali per cercare di arginare un fenomeno che, in alcuni comuni d’Italia, ha ancora oggi una rilevanza di carattere sociale oltre che igienico ed etico. Ecco che le amministrazioni comunali cercano di trovare delle soluzioni per limitare il sovraffollamento dei canili comunali e per arginare il fenomeno del randagismo. La prima soluzione originale di questo 2012 è del comune di Terni. Poiché ogni cane, ospitato da un canile comunale, ha un suo costo giornaliero, si è pensato di elargire un bonus di 150 euro per la fornitura di cibo, valido per un anno ed elargito ai primi cinquanta cittadini che adotteran
no un esemplare ospitato nelle strutture di accoglienza comunali.

Anche il comune di Monopoli ha di recente promosso un’iniziativa molto simile. Attraverso un bando pubblico dell’assessorato all’Ambiente, i cittadini che adotteranno un cane dal canile comunale o dall’Asl o dalla Polizia Municipale, in quanto malato o ferito, avranno diritto ad un premio di 150 euro. Ovviamente occorrerà dimostrare che l’adozione è frutto di un gesto d’amore e non di un interesse economico. L’adozione dovrà essere definitiva, quindi l’animale dovrà essere dotato di microchip di riconoscimento, così come impone la normativa nazionale.

Il cane dovrà avere un vitto, un alloggio e tutte le certificazioni sanitarie. Le associazioni locali si impegneranno inoltre a fare in modo che periodicamente ci siano dei controlli post-affido, attraverso i quali sarà possibile dimostrare la buona salute dell’animale adottato. Si tratta di un’azione intelligente da parte dell’amministrazione, che permetterà di risparmiare dei fondi alle casse pubbliche e darà la possibilità, a chi ha difficoltà economiche ma che davvero ama gli animali, di avere un piccolo amico a quattro zampe.