Il piccolo comune di Lerma, in provincia di Alessandria rischia la bancarotta a causa di 53 cani confiscati a una signora.

DogsSecondo il blitzquotidiano.it, la signora ha permesso ai cani di riprodursi indiscriminatamente facendoli poi vivere in condizioni indegne.

La situazione si è peggiorata, costringendo i Nas nel 2008 ad irrompere a casa della signora e portare i cani che sono stati affidati a diverse strutture della provincia.

Ma il vero problema adesso è che la responsabilità dei 53 cani confiscati, secondo la legge, ricade sulle spalle del sindaco.

Purtroppo il sindaco Bruno Aloisio non c’è la fa a sostenere la spesa di 3 euro l’uno al giorno, 62mila euro l’anno per prendere cura dei cani. Il comune cerca disperatamente chi può prendere carico degli animali.