“Perdersi” negli occhi del proprio figlio e innamorarsi del proprio cane ogni volta che lo si guarda: sensazioni molto simili perché alla base hanno lo stesso ormone che le smuove.

cane e donna amore

È infatti l’ossitocina, il cosiddetto “ormone dell’amore”, che provoca i nostri colpi di fulmine e ci fa venire quella faccia dolce, languida e con gli occhi a cuoricino quando vediamo il piccolo, che sia umano o peloso.
La scoperta arriva dall’Azabu University a Sagamihara, ateneo del Giappone. Uno studio importante che si è anche conquistato la copertina della celebre rivista Science.
I ricercatori hanno analizzato un campione di 30 cani ed altrettanti proprietari, studiando ogni loro momento di interazione, sia visivo, sia tattile e sia tramite input vocale.
I valori dell’ossitocina, prelevati dalle urine di cani ed umani, sono stati verificati prima e dopo il test. Dal confronto dei dati è emerso in maniera evidente come più cane e padrone si sono guardati e più il livello di ossitocina nel cervello di entrambi fosse aumentato.
Il contatto visivo aumenta quindi la presenza dell’ormone, in un modo molto simile a quello che si verifica nel cervello tra la madre ed il figlio quando si guardano.

Come ulteriore prova gli studiosi hanno iniettato dell’ossitocina nel naso dei cani mentre questi erano nello stesso ambiente con i proprietari ed altri umani, ma che i pets non conoscevano. A quel punto i cani di sesso femminile hanno aumentato il tempo trascorso guardando gli occhi del padrone, in risposta all’effetto dell’ossitocina. E così, dopo 30 minuti, è stato registrato l’aumento del citato ormone anche nel cervello dei proprietari.